A- A+
Cronache

Riva Acciaio esprime il "fermo intendimento" di fare di tutto "per assicurare, nel piu' breve tempo possibile, la ripresa delle attivita' produttive dei nostri stabilimenti, che sono state purtroppo sospese in esecuzione del provvedimento di sequestro del Gip di Taranto". E' quanto si legge nella lettera inviata dal gruppo al custode giudiziario Mario Tagarelli oltre che al ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato e al sottosegretario Claudio De Vincenti.

Il gruppo nel sollecitare "un incontro per una disamina congiunta della situazione e dei suoi possibili sbocchi" evidenzia come "le banche in diretta e immediata conseguenza del sequestro, hanno revocato o comunque congelato tutti i fidi che erano stati faticosamente riaperti a sostegno delle attivita' aziendali. Ugualmente siamo oggi stati informati che le linee di factor che abbiamo in essere con Mediafactoring sono integralmente bloccate a seguito del sequestro". Secondo Riva Acciaio quindi risulta "evidente che la ripresa dell'attivita' produttiva, a tutela dell'occupazione e dell'integrita' del patrimonio aziendale, presuppone il preventivo ripristino di condizioni operative e finanziarie adeguate rispetto al funzionamento di un'azienda delle dimensione e della complessita' di Riva Acciaio". La societa' infine sottolinea che la volonta' di ricercare soluzioni per la ripresa dell'attivita' produttiva "non costituisce in alcun modo acquiescenza a un provvedimento di sequestro che lede la nostra autonomia patrimoniale e che riteniamo illegittimo sotto ogni profilo".

GIOVANNINI, IN CDM NORMA PER FUNZIONAMENTO IMPIANTI
"Il Governo sta valutando la possibilita' di intervenire in via legislativa per rendere effettiva la salvaguardia delle attivita' produttive" delle aziende del Gruppo Riva e dell'Ilva "pur nel rispetto delle finalita' del sequestro". Lo ha detto il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, alla Camera. "Nel Cdm di questa settimana - ha aggiunto - sara' proposto un intervento normativo che assicurera' il funzionamento degli impianti".

ZANONATO: AL CDM DEROGA A RIVA PER SBLOCCO SOLDI
"Porteremo al prossimo cdm una norma che consentira' agli amministratori delle fabbriche Riva di disporre anche dei soldi, in deroga con quanto previsto dal codice penale". Lo ha detto il ministro per lo Sviluppo economico Flavio Zanonato in audizione alla Camera. "La norma molto semplice che stiamo verificando con il ministero della Giustizia - spiega Zanonato - e' un 104 ter che dica: quando il sequestro riguarda un'attivita' produttiva il giudice nomina un amministratore che dispone anche dei soldi per assicurare l'amministrazione, la norma ha valore retroattivo".

Tags:
ilvarivacustodeattività produttiva
in evidenza
Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano

Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti

FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.