A- A+
Cronache
Lei urla mentre fanno sesso. Lui condannato per stalking condominiale

Un quarantaduenne di Vigodarzere, residente a Limena nel padovano, è stato condannato a sei mesi di reclusione per disturbo della quiete notturna. Tutta colpa delle grida di piacere della sua fidanzata che finivano per svegliare gli altri residenti. In 12 condomini avevano deciso di denunciare il vicino di casa per disturbo della quiete notturna.

Le vivaci performance dei due focosi amanti sono finite nell’aula del tribunale di Padova, dove il giudice ha condannato il 42enne di Vigodarzere, nel Padovano, a sei mesi di reclusione per stalking condominiale. L'uomo sarebbe già pronto a presentare ricorso in appello. Nella denuncia firmata dai dodici condomini, costituitisi parte civile, si parla di “urla e gemiti che disturbano la quiete dei condomini e il decoro del fabbricato stesso”.

Tags:
stalking condominiale
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
Eleonora Berlusconi in vacanza La single più desiderata d’Italia

Eleonora Berlusconi in vacanza
La single più desiderata d’Italia





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.