A- A+
Cronache
Stato-mafia, via all'appello."Non si può riscrivere storia". Giallo Ciancimino

Ha preso il via, davanti alla Corte d'assise d'appello di Palermo, il processo di secondo grado sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Un dibattimento che arriva a un anno dalla sentenza di primo grado che condannò tutti gli imputati, fatta eccezione per Nicola Mancino, che era accusato di falsa testimonianza. I giudici avevano condannato a dodici anni di carcere gli ex vertici del Ros Mario Mori e Antonio Subranni, accusato di minaccia a corpo politico dello Stato. Stessa pena per l'ex senatore Marcello Dell'Utri e Antonino Cinà, medico fedelissimo di Totò Riina. Otto gli anni di detenzione inflitti all'ex capitano dei carabinieri Giuseppe De Donno, ventotto quelli per il boss Leoluca Bagarella. Prescritte, come richiesto dai pubblici ministeri, le accuse nei confronti del pentito Giovanni Brusca. Oggi si torna in aula. 

STATO MAFIA: PROCESSO TRATTATIVA, LA CORTE D'APPELLO: 'NON SI PUO' RISCRIVERE STORIA DEL PAESE DAL BUCO DELLA SERRATURA'

"E' stato detto che non si può riscrivere la storia del paese guardandolo dal buco della serratura. Al di là della metafora non felicissima, credo sia una verità condivisibile, quasi banale, se con questo si vuole significare che la complessità dei fatti storici non può essere compressa nella gabbia del paradigma giudiziario nel quale è giusto che si muova". Lo ha detto il Presidente della Corte d'assise d'appello di Palermo Angelo Pellino iniziando la lettura della relazione introduttiva nel processo di secondo grado sulla trattativa stato-mafia. "Ma può accadere che ci sia un effetto, che non sia cercato e voluto e non si sostituisca all'unico scopo del processo penale che, per il secondo grado, è la verifica dei motivi di appello - prosegue il Presidente della Corte d'assise Pellino - Gli imputati saranno giudicati per ciò che hanno fatto o non hanno fatto: spero che ci sia un serrato confronto sulle questioni tecnico giuridiche e sull'accertamento probatorio". 

STATO MAFIA: PROCESSO APPELLO TRATTATIVA, CIANCIMINO MOLTO MALATO RINUNCIA A UDIENZA

E' iniziata con la rinuncia dell'imputato Massimo Ciancimino la prima udienza del processo d'appello per la trattativa tra Stato e mafia che si celebra davanti alla Corte d'assise d'appello di Palermo presieduta da Angelo Pellino.  Il suo legale Roberto D'Agostino ha annunciato alla Corte che Ciancimino sta molto male, anche se secondo il medico legale del Dap "è lucido". Nonostante ciò, la difesa di Ciancimino chiede un accertamento medico. "Ciancimino - dice il legale - si trova ricoverato presso il centro clinico di Regina Coeli e negli ultimi giorni la patologia di Ciancimino è andata progredendo, tanto è vero che Ciancimino è caduto perdendo più volte orientamento  e ha avuto problemi gravi legati all'eloquio e al suo Stato di capacità di rendersi conto della situazione in cui si trova. Ha un emiparesi sul lato sinistra". Per questo la difesa chiede "ulteriori accertamenti". Il Presidente Angelo Pellino si è riservato di pronunciarsi sull'istanza.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    stato mafia trattativastato mafia condannemafiacosa nostracianciminomario moririinaantonio subrannimarcello dell'utriantonino cinàleoluca bagarellagiovanni brusca
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





    casa, immobiliare
    motori
    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.