A- A+
Cronache
Trani, scambiate alla nascita per errore. La Regione Puglia condannata

Trani, due neonate vengono scambiate alla nascita per errore. La Regione Puglia condannata al risarcimento di un milione di euro

Due neonate scambiate in culla perché non furono loro applicati i braccialetti di riconoscimento. Una delle due fa causa alla Regione Puglia e ottiene a Trani un risarcimento di circa un milione di euro (da dividere con gli altri protagonisti, loro malgrado, della storia).

La vicenda è di una 33enne di Canosa in Puglia che otterrà il risarcimento assieme alla sua vera famiglia (madre, padre e fratello), a cui per 23 anni sono stati impediti i rapporti familiari. Ma l'intera vicenda ha contorni ancora più assurdi.

La sentenza, di cui riferisce La Repubblica, arriva a dieci anni dalla scoperta dello scambio in culla di due bambine partorite il 22 giugno 1989 nell'ospedale di Canosa. Una di loro, Caterina (che credeva di aver partorito la bimba chiamata Lorena e invece era la mamma di Antonella) dovrà essere risarcita per 215mila euro, così come il marito, mentre 81mila euro andranno all'altro figlio, "per non aver potuto vivere compiutamente la relazione parentale".


Ad Antonella, invece, la Regione pagherà circa mezzo milione (a fronte di una richiesta di tre). La madre, quella a cui fu assegnata per errore dall'ospedale, l'ha abbandonata da piccola, il "padre" l'ha maltrattata al punto da farla finire in orfanotrofio e poi in adozione. Meno difficile ma non idilliaca la vita dell'altra bambina: Lorena ha avuto un rapporto difficile con i genitori ma non come quello di Antonella.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    condannanascitaregione pugliascambiotraniun milione di euro
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    MediaTech

    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova





    motori
    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.