A- A+
Culture

Crimini

Art. 33°

di  Lucilla  Noviello

Succedeva all’inizio del secolo scorso: una piccola rivoluzione. La cultura era viva, l’arte era viva e la possibilità di fondare alternative testuali, pittoriche, musicali lo erano altrettanto. Il futurismo nasceva, appoggiando rivoluzione e movimento, velocità e decomposizione. Ricomponeva poi il tutto in forme nuove in cui l’ironia e la comicità trovavano il loro posto. Alla fine dello stesso secolo un’altra rivoluzione: informazioni e numeri, virtualità luminose in schermi piatti. La realtà può essere, con la stessa velocità, sostituita da incontri ipotetici e ipocriti, eppure incredibilmente reali e contemporanei. Tutto accade qui e ora  ma è anche qualcosa di mai accaduto: perciò falso. Internet permette di essere  e inventare, di sapere e non rischiare. In un momento in cui niente è moderno perché tutto lo è, la letteratura può essere Viva. Come una rivista di carne, cioè fatta da persone di sangue e ossa. Vive, appunto. Una rivista mensile che si pone come un evento, un atto pubblico tipico del futurismo e un qui ed ora della realtà virtuale: appare e poi non c’è più, effimera ma esistente come un fatto che, per quanto passato, è pieno di storia e di memoria. Fondata dai poeti Nicola Bultrini e Claudio Damiani, dal pittore Giuseppe Salvatori e dal critico Stas Gawronsky, il 18 aprile alle ore 19,00 ha aperto le sue pagine a La Nuova Pesa di Roma, storica galleria d’arte contemporanea nelle cui stanze molti nuovi linguaggi hanno trovato e trovano luce. Il titolo del primo numero è Cieli, e oltre ai fondatori e autori hanno letto e proposto, avvicinato, trovato coincidenze e ricercato spunti tra le loro opere e alcuni testi già esistenti, come fa il pensiero quando prima di scrivere un articolo cerca connessioni e sintesi, riascoltandone il significato, Elena Buia Rutt, Andrea Di Consoli e Elvio Chiricozzi. Camus, Piersanti, Mc Carthy alcuni degli autori, diversi per geografia e epoca, i cui testi hanno vissuto accanto a quelli degli artisti vivi e presenti. Una socialità, una nuova moltitudine di senso, coabitazione e memoria. Perché come ogni cosa viva, l’arte respira. Ha bisogno d’aria, d’intelligenza e di sorrisi. Qualcuno ha chiesto, alla fine dell’ora e dieci in cui un centinaio di persone hanno visto, ascoltato, partecipato e vissuto il primo numero del mensile, dove poter trovare la rivista. E la risposta, semplice, è stata: è accaduto poco fa.

“Viva”; Anno primo; numero primo Aprile 2013. Sottotitolo: Cieli.
Redazione: Nicola Bultrini; Claudio Damiani; Giuseppe Salvatori; Stas Gavronsky.
Gratuita.

Tags:
"viva"riviste
in evidenza
Emily Ratajkowski e Brad Pitt, la nuova coppia di Hollywood

L'attore e la modella: FOTO

Emily Ratajkowski e Brad Pitt, la nuova coppia di Hollywood


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.