A- A+
Economia
Usa-Ue, 2 facce della stessa medaglia. Una la locomotiva, l'altra la lumaca

L’economia statunitense è tornata in carreggiata. Nel secondo trimestre il PIL ha registrato un rimbalzo superiore alle attese e dovrebbe attestarsi a un livello del 3%, grazie soprattutto al recupero della spesa per investimenti, al calo del tasso di disoccupazione e al netto miglioramento nel real estate. Questo farà incrementare ulteriormente la fiducia dei consumatori, che è già al livello più alto da sette anni a questa parte.

Per gli USA, sottolineano gli analisti finanziari di Union Bancaire Privée (Ubp), tutte le pedine sembrano essere al loro posto: il dollaro è ancora conveniente e il primato del settore tecnologico dà al Paese un forte vantaggio nell’ambito della rivoluzione digitale. Inoltre, gli Stati Uniti guidano il processo di cambiamento energetico, che sta dando benefici in termini di costi più bassi e di minor dipendenza dalle importazioni di petrolio.

La Federal Reserve, peraltro, vuole mantenere un approccio molto accomodante. L’Istituto centrale ha infatti manifestato l’intenzione di concludere il programma di Quantitative Easing (QE) a ottobre, ma chi avrebbe mai sognato una banca centrale che stampa ancora moneta dopo cinque anni dall’inizio della ripresa? Inoltre, la Fed sta guardando con attenzione il processo di normalizzazione della curva dei rendimenti e non permetterà che si verifichi uno shock tale da far innescare un aumento improvviso e brusco dei tassi. Quindi il costo del capitale rimarrà il più basso possibile per un lungo periodo di tempo, il che dovrebbe incoraggiare sempre più imprese a investire e a continuare ad assumere, al fine di trarre beneficio dalla crescita economica.

Il sentiment del mercato azionario statunitense probabilmente rimarrà positivo, nonostante alcune correzioni minori. Questo perché le società stanno performando abbastanza bene e la crescita degli utili è quasi doppia rispetto a quella del PIL nominale, specialmente grazie alle operazioni di buyback. Inoltre, grazie anche a una vivace attività di M&A, sembra che il comparto azionario possa continuare a crescere, con qualche ulteriore espansione in termini di P/E – specialmente perché le obbligazioni sono ancora molto costose rispetto ai titoli azionari. Gli investitori continueranno, quindi, a privilegiare società con alto potenziale, dato l’attuale tasso di crescita inferiore rispetto alla norma. In tale contesto, le imprese in grado di monetizzare il traffico sui propri siti web continueranno a prosperare.

Tags:
usaueubp

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.