A- A+
Economia
Esselunga/ Patron Caprotti batte i figli anche in Tribunale

Sembra non avere fine la lotta fra Bernardo Caprotti e i figli Giusepppe e Violetta. Al centro del contenzioso la diatriba sul pacchetto di controllo di gruppo Esselunga, intestato prima ai discendenti e poi ripreso dal fondatore. Venerdì, come riferisce il CorSera, l’anziano imprenditore (90 anni in ottobre) ha spuntato una vittoria presso il Tribunale di Milano, che ha ritenuto "improcedibili tutte le domande esperite da Giuseppe e Violetta Caprotti nei confronti del padre Bernardo a eccezione di quelle di usucapione e di decadenza dell’usufrutto".

A questo punto Giuseppe e Violetta, che potrebbero ancora fare ricorso, si troverebbero a pagare ben 200.000 euro di spese legali. Questo non conclude il contenzioso scoppiato fra il patron e i suoi figli nel 2011, ma è solo uno stop nella parte civilistica della controversia. I figli infatti hanno impugnato il lodo arbitrale del 2012, favorevole a Bernardo, e la successiva sentenza della Corte di Appello, che ribadiva le conclusioni del collegio. Ora si attende la pronuncia della Cassazione. La prima udienza della Suprema Corte è fissata a breve termine.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
esselungacaprottifiglitribunale
i più visti
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte


casa, immobiliare
motori
Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.