A- A+
Economia
"Sono meglio del mio capo, che faccio?". Sopravvivere in 5 mosse

Il vostro capo si affida troppo alle vostre competenze e non può fare a meno di voi tanto che iniziate a dubitare della sua legittimità? Attenzione: la situazione può rivelarsi più insidiosa di quanto sembri. Ecco dunque come sopravvivere in 5 mosse.

1. Riconoscere bene i sintomi

Il vostro capo non vale nulla? Prima obiezione: facile a dirsi... "E' un ritornello che capita di sentire spesso", commenta Yves Maire du Poset, esperto di risorse umane e autore del libro "Toutes les clés du savoir-vivre en entreprise". Meglio dunque fermarsi un attimo a riflettere e chiedersi se "l'incapacità che imputiamo al nostro capo è oggettiva o dipende solo, per esempio, dai carichi di lavoro che ci dà: il confine tra un capo che delega ai suoi sottoposti e uno che scarica lavoro e problemi sugli altri, può essere molto sottile", spiega l'esperto.
Ecco che cosa va analizzato:
- vi tocca fare una parte consistente del suo lavoro
- lavorate più di lui
- chiede spesso il vostro parere


2. Entrare nella testa del capo per farlo lavorare

"La cosa peggiore è dirgli o fare cose di cui poi potreste pentirvi", avverte Sophie Letourneau, consulente di Coaching time, che suggerisce la strada della comunicazione non violenta. "Si può spingere il proprio capo a fare il suo lavoro semplicemente spiegandogli, educatamente, che ci sono mansioni che non vogliamo svolgere. Si comincia col fargli un'osservazione precisa, gli si descrivono poi i nostri sentimenti riguardo alla situazione, si esprime un bisogno e infine si fa una richiesta precisa per contribuire a migliorare il rapporto".

3. Vedere il lato postivo

Non avete il coraggio di cambiare il vostro capo? Inutile rimuginarci su: lo status quo può anche esservi utile. Può infatti essere molto redditizio il fatto che il vostro manager non può fare a meno di voi: siete sicuramente al sicuro in caso di tagli. Yves Maire du Poset raccomanda di vedere il bicchiere mezzo pieno: "Se continuamo ad odiarlo, la depressione è assicurata. Ma ci sono certamente cose da imparare da lui, basta stare a guardarlo".


4. Approfittare della situazione


Si può anche approfittare della situazione lavorando fianco a fianco con il 'cattivo' manager. "Possiamo dirgli che giocheremo la partita con lui e che lo aiuteremo ad avere successo, sperando di raccogliere i frutti ", dice ancora Yves Maire du Poset. Un dipendente può infatti diventare indispensabile e quindi 'pretendere' un aumento di stipendio o una promozione. Oppure, se il vostro capo è già considerato poco cooperativo da chi è sopra di lui, i suoi improvvisi successi potrebbero portare l'attenzione dritta dritta su di voi.


5. Datevi una scadenza

Attenti a non rimanere però bloccati in questa prigione dorata: il vostro capo può infatti anche poggiare talmente tanto su di voi da ostacolare la vostra carriera. "Dovete sapere fino a che punto potete sopportare e darvi un tempo limite", sottolinea l'esperto. "Dovete decidere che, ad esempio, vivrete il prossimo anno, o i prossimi due, come un test, nella speranza di affermare le vostre competenze e capacità. Non si può far durare una situazione del genere fino alla pensione: dopo un certo periodo diventa controproduttiva sia per la salute sia per la carriera. Chiedete allora di cambiare ufficio o cercatevi un altro lavoro".

Tags:
ufficiocapomanagercarrieralavoro
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.