A- A+
Economia
Torna il rischio Grexit. Proteste contro la riforma delle pensioni

Avvio di settimana pesantissimo alla Borsa di Atene, che ha siglato gli scambi lasciando sul terreno un 7,87%. Ad appena 464,23 punti, l'indice composito di riferimento ha segnato il valore dui chiusura più basso da 25 anni a questa parte. E dopo che nel corso della seduta le perdite erano arrivate a superare ampiamente l'8%, con una pioggia di vendite sui maggiori titoli bancari. Alpha Bank, Banca del Pireo, Banca nazionale di Grecia e Eurobank accusano tutte scivoloni superiori al 20 o al 25%, mediamente i titoli bancario hanno accusato un meno 23,4%.

E intanto crescenti pressioni si addensano sul governo. L'esecutivo guidato da Alexis Tsipras sta ancora negoziando una riforma delle pensioni con la "ex Troika", mentre gli aiuti europei tengono a galla l'economia del Paese tramite un massiccio piano di aiuti. Ma secondo quanto ammesso dallo stesso esecutivo ellenico, dagli ultimi incontri tutti i nodi sono rimasti irrisolti.

Nel frattempo nelle ultime settimane si sono moltiplicate le proteste interne - dai marittimi agli agricoltori, dalla polizia ai pompieri - contro questa e altre riforme, che la Grecia deve portare avanti nell'ambito degli accordi con Ue e Fmi. Oggi, gli agricoltori greci hanno protestato nel centro di Atene contro la riforma delle pensioni. I contadini hanno bloccato anche la ferrovia e molte strade che collegano il paese, causando la congestione del trasporto internazionale di merci. I contadini sono particolarmente colpiti dalla riforma delle pensioni e dagli aumenti delle tasse previsti dal governo. Giovedì scorso centinaia di migliaia di persone erano scese in piazza per uno sciopero nazionale che ha visto la chiusura di ministeri, scuole, farmacie e negozi. La Grecia è sotto pressione per attuare le riforme economiche in cambio del salvataggio internazionali che ha impedito la bancarotta del paese. Una delle richieste dei creditori è proprio la riforma del sistema pensionistico del paese.

Il Governo di Atene però tira dritto e si prepara ad assecondare le richieste dei creditori internazionali sulla riforma delle pensioni, accontentando pero' anche i partiti d'opposizione con modifiche alla legge elettorale. Nel dettaglio, il Governo greco e' pronto ad abbassare dell'1% l'aumento dei contributi assistenziali, dopo che la scorsa settimana i rappresentanti delle istituzioni europee e internazionali hanno affermato che un aumento dell'1,5% e' troppo elevato. Inoltre, Atene tagliera' le pensioni supplementari e ridurra' le pensioni minime di fascia alta. Secondo fonti informate dei fatti, il Governo greco si prepara ad assecondare le osservazioni dei creditori anche per quanto riguarda la riforma del sistema di imposizione fiscale. Atene ha infatti proposto un'imposta pari al 50% per le persone fisiche che percepiscono un reddito superiore a 60.000 euro, che pero' i creditori internazionali ritengono troppo elevata. Inoltre, i rappresentanti delle istituzioni europee e internazionali si oppongono all'applicazione degli stessi criteri di imposizione fiscale per i lavoratori dipendenti e per quelli autonomi.
 
"Di norma, all'inizio di qualsiasi negoziazione, ci sono delle differenze", ha riferito il ministro dell'Economia, Giorgos Stathakis, al quotidiano greco Kathimerini. "Il Governo ha presentato la propria posizione su tutti gli aspetti e ritengo che le proposte avanzate costituiscano la base per la discussione e per la creazione di condizioni volte a trovare soluzioni accettabili da ambo le parti", ha aggiunto Stathakis. Il ministro greco dell'Economia non ha pero' fornito indicazioni su quando la prima revisione sull'implemetazione del terzo piano di salvataggio della Grecia potrebbe concludersi. "Il nostro obiettivo e' quello di completare la prima revisione al piu' presto", ha chiarito.
 
Comunque, nel tentativo di favorire la collaborazione dei partiti d'opposizione nell'adozione delle riforme, il Governo greco proporra' una revisione del sistema elettorale, riducendo da 50 a 30 seggi il premio di maggioranza. Se la proposta sara' approvata con piu' di 200 voti in Parlamento, la nuova legge elettorale potrebbe entrare in vigore a partire dalle prossime elezioni.

Tags:
greciatsiprastroika
Loading...
in vetrina
Grande Fratello Vip 2020 TRA VELENI E CHIARIMENTI: ALTA TENSIONE NELLA CASA. Gf Vip 4 News

Grande Fratello Vip 2020 TRA VELENI E CHIARIMENTI: ALTA TENSIONE NELLA CASA. Gf Vip 4 News

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Cani increduli guardando la gente "Hanno tutti la museruola"

Coronavirus vissuto con ironia

Cani increduli guardando la gente
"Hanno tutti la museruola"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il millepiedi DS firmato Citroen

Il millepiedi DS firmato Citroen


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.