A- A+
Esteri
Libia, Di Maio incontra Lavrov. Ma la Russia sostiene ancora Haftar

Giornata calda sul fronte Libia per il governo, con un doppio appuntamento importante per capire il ruolo dell'Italia su una crisi che riguarda molto da vicino il nostro paese. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha infatti incontrato a Palazzo Chigi l'inviato speciale Onu per la Libia, Ghassan Salamé, dopo che al vertice Nato di Londra c'erano state alcune difficoltà di dialogo tra il nostro paese e le altre potenze coinvolte nella gestione di una crisi ormai di lunghissima data.

Allo stesso tempo Luigi Di Maio incontra il ministro degli Esteri della Russia, Sergej Lavrov. "Senza l'Italia in Libia non si può fare nulla. Tanto è vero che gli altri Paesi non riescono a trovare il bandolo della matassa in questo particolare momento storico. E noi siamo quelli che abbiamo la reputazione più grande e possiamo dare molto'',  ha detto il leader del M5s a "Circo Massimo", dopo che al Corriere della Sera aveva introdotto così il suo incontro con l'omologo russo: "Con la Russia condividiamo l'obiettivo della stabilità della Libia. Mosca è un interlocutore chiave. A Lavrov ribadirò la nostra ferma convinzione che non esiste una soluzione militare in Libia e che nessuno può trarre vantaggi da una situazione dalla quale deriva solo instabilità. Ecco perché devono cessare le interferenze esterne. Al contrario - sottolinea - tutte le energie vanno utilizzate per persuadere le parti che l'unica soluzione percorribile sia quella politica". 

Il problema è, però, che in molti continuano a sostenere che la Russia sostenga il generale Haftar. Anzi, secondo qualcuno l'aiuto alle milizie dell'uomo forte della Cirenaica che da mesi ha preso d'assalto la Tripolitania e la capitale controllata dal governo di Serraj, riconosciuto dalle Nazioni Uniti e sostenuto anche dall'Italia. Anzi, secondo quanto racconta Repubblica, la Russia sarebbe presente sul campo attraverso mercenari che sosterrebbero Haftar e ci sarebbe anche un piano segreto per la fuga di Serraj. 

Dietro Haftar, come raccontato più volte, ci sarebbe anche il sostegno di altre potenze della regione, in primis Egitto e Arabia Saudita, mentre Serraj ha più volte accusato la Francia di sostenere il generale anche a livello logistico. Insomma, un bel garbuglio nel quale l'Italia dovrà provare a capire qualcosa.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    libiacontedi maiosalame
    Loading...
    in evidenza
    Gregoraci, si apre l'accappatoio E' senza reggiseno e... Foto-Video

    GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS

    Gregoraci, si apre l'accappatoio
    E' senza reggiseno e... Foto-Video

    i più visti
    in vetrina
    Milenkovic, Inter sorpassa il Milan (con una cessione d'oro). Calciomercato

    Milenkovic, Inter sorpassa il Milan (con una cessione d'oro). Calciomercato


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L’arte viaggia su quattro ruote con DS 7 Crossback Louvre

    L’arte viaggia su quattro ruote con DS 7 Crossback Louvre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.