A- A+
Esteri

C'e' anche un italiano tra i 7 dipendenti di una ditta di costruzioni libanese rapiti a Jama, nello stato federale di Bauchi, nel nord della Nigeria. L'attacco - in un sito della Setraco dove e' stata uccisa anche una guardia del corpo - e' avvenuto la notte scorsa. Una fonte del governo locale, ha detto che gli ostaggi, oltre all'italiano, sono cittadini di Gran Bretagna, Grecia e Libano.

Il governo italiano si e' gia' messo in contatto, tramite l'ambasciata, con le autorita' nigeriane per ribadire che l'incolumita' dell'ostaggio e' "una priorita' assoluta" e la necessita' di arrivare a una soluzione positiva della crisi. Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, segue da vicino gli sviluppi della situazione, sulla quale -fanno notare fonti della Farnesina- e' opportuno mantenere il massimo riserbo.

L'ingegnere italiano sequestrato si chiama Silvano Trevisan. Lo si apprende da fonti locali. Trevisan ha 69 anni, e' originario di Santo Stino di Livenza, un comune in provincia di Venezia di circa 13.000 abitanti, e manca dall'Italia da diverso tempo.

Secondo i servizi di sicurezza nigeriani, c'e' la mano di Boko Haram dietro il sequestro di Trevisan e degli  altri sei stranieri. Boko Haram e' un gruppo terroristico di matrice islamica collegato ai  movimenti 'fratelli' del Mali, a partire da al Qaeda nel Magrheb islamico (Aqmi).

Nell'ultimo anno e mezzo, il nord della Nigeria e' stata teatro di una serie di sanguinosi attentati da parte della setta estremista islamica Boko Haram, soprattutto ai danni della comunita' cristiana.

Tags:
nigeriarapitistranieri
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.