A- A+
Esteri

La Francia schierera' circa 1.000 soldati nella Repubblica Centrafricana per almeno sei mesi e in sostegno delle forze di peacekeeping presenti sul territorio di quel paese. Parigi, ha spiegato il ministro della Difesa, Jean-Ives le Drian, "sosterra' questa missione in Africa cosi' come abbiamo fatto nel Mali, e per un periodo breve".

Il paese è nel caos dopo che i ribelli Seleka, che provengono in gran parte da Ciad e Sudan, hanno deposto il presidente François Bozize nel marzo scorso. Il primo ministro centrafricano Nicolas Tiangaye ha riferito ieri che Laurent Fabius gli ha detto dell'intenzione della Francia di aumentare le truppe presenti da 400 a 1200 militari. "Rafforzeremo la nostra presenza", ha confermato oggi Fabius parlando ai microfoni dell'emittente radiofonica France Culture. "Per questo, stiamo aspettando una risoluzione delle Nazioni Unite che dovrebbe arrivare la settimana prossima".

Alla richiesta di confermare l'invio di altri 800 soldati, Fabius ha detto che il numero "è sensato", ma non ha aggiunto altro. L'ambasciatore francese all'Onu, Gerard Araud, ha detto che le truppe francesi riporteranno l'ordine nella Repubblica Centrafricana fino a quando non sarà completamente operativo il contingente di 3.600 militari dell'Unione Africana. Oltre ai 400 francesi, nel Paese è già schierata un forza di pace di 2.500 militari della Comunità economica degli Stati dell'Africa centrale. Le violenze nella Repubblica Centrafricana, ricco di risorse minerarie ma con una popolazione molto povera, vedono i combattenti del Seleka, in gran parte musulmani, contro le milizie cristiane. Nel Paese i cristiani rappresentano metà della popolazione, i musulmani il 15%.

Tags:
parigirepubblica centrafricana
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.