A- A+
Esteri
Stucchi (Copasir): l'Egitto sta offendendo la memoria di Giulio


Quali sono le ultime informazioni in possesso del Copasir sul caso della morte di Giulio Regeni?
"Le informazioni ricevute fino ad ora dalle autorità egiziane non sono affatto esaustive e l'Egitto deve ancora dimostrare una volontà vera di collaborazione completa con l'Italia. Quello che serve, e chiedo scusa per il gioco di parole, è far emergere la verità vera e non ricostruzioni talmente irrealistiche da fare arrabbiare chi le ascolta e da offendere la memoria di Giulio Regeni".

La Procura del Cairo oggi ha detto che Regeni è stato torturato più volte per sette giorni. Le risulta?
"Non ho elementi per dire che questa notizia - una tortura durata sette drammatici giorni - corrisponda alla verità. E' evidente però come il Regeni abbia subito delle violenze pesantissime e per un tempo prolungato, basta vedere in che condizioni era il corpo, ma circa la durata delle stesse, lo ripeto, non disponiamo di informazioni certe".

Ma le autorità egiziane quindi non stanno collaborando in pieno con l'Italia...
"Le autorità egiziane devono collaborare veramente e devono mettere a disposizione tutte le informazioni in loro possesso senza cercare di coprire responsabilità".

Regeni forse aveva visto qualcosa che non doveva vedere?
"No, semplicemente aveva scritto dei report che erano pubblici, quindi documenti fruibili da tutti, perché erano sul Web, e che rappresentavano la realtà che vedeva con i suoi occhi. Ciò che scriveva poteva anche risultare scomodo a che qualcuno non voleva far conoscere certe situazioni, ma uno degli obiettivi fondamentali della libertà di stampa far consocere quello che accade. Un paese civile e democratico deve garantire che ciò si possa fare liberamente".

Qualcuno ha ipotizzato che sia una manovra per incrinare i rapporti Italia-Egitto vista la recente scoperta di un importante giacimento da parte dell'Eni proprio in Egitto?
"Sul discorso dell'Eni andrei molto cauto. Parliamo di una scoperta, quella del giacimento, che ha già parecchi mesi alle spalle visto che risale all'anno scorso. Non vedo alcun motivo per dar credito a questo tipo di dietrologia. Più che altro se il presidente egiziano al-Sisi vuole rimanere un amico dell'Italia deve consegnare ai nostri investigatori presenti in loco tutte le informazioni, dati e materiali in possesso delle autorità giudiziarie egiziane".

Ma secondo lei chi è stato a uccidere Regeni?
 "Non sono abituato a rispondere a domande così puntuali e dirette se non dispongo di dati certi. E fare ipotesi è veramente molto arduo. Comunque, a prescindere da chi ha compiuto il sequestro e ha usato violenza fino ad ucciderlo, i responsabili veri devono essere trovati e puniti rapidamente".

 Qualcuno ha anche ipotizzato che Regeni fosse un collaboratore dei servizi segreti...
"Non era assolutamente inserito nell'organico dell'intelligence e non era né una fonte né un informatore. Nulla di tutto questo. Non aveva rapporti con i servizi, di nessun tipo". 

 

 

 

Tags:
regenistucchigiacomo stucchicopasirgiulio regeniegitto
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.