A- A+
Esteri

Una decina di auto in fiamme, due scuole e un commissariato di polizia attaccati, nella quinta notte consecutiva di scontri nella periferia di Stoccolma, abitata prevalentemente da popolazione straniera. Otto persone sono state arrestate nel corso degli incidenti, ma non risultano feriti, secondo quanto indicato dalla polizia svedese all'agenzia TT. Circa 300 i giovani che hanno dato vita agli scontri e che hanno attaccato le forze di polizia e i pompieri con lancio di pietre.

I disordini, che hanno macchiato l'immagine di nazione pacifica ed egualitaria di cui la Svezia godeva all'estero, hanno scatenato un dibattito nel Paese sull'integrazione degli immigrati, che formano il 15 per cento della popolazione. Molti degli immigrati che arrivano nel Paese grazie alla generosa politica sui rifugiati, faticano a imparare la lingua e trovare un impiego malgrado i numerosi programmi predisposti dal governo.
 

Tags:
stoccolmasveziaimmigrazione
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.