A- A+
Green
Fukushima, il bilancio di Greenpeace: 54mila siti e acque contaminati

A quattro anni dal disastro nucleare di Fukushima, la situazione nelle aree colpite resta grave: il monitoraggio condotto da Greenpeace ha rivelato che il 59% dei campioni presi in aree ufficialmente 'decontaminate' era ancora oltre la soglia, con i livelli piu' alti rilevati lontano dalle strade.

Come sottolinea l'associazione ambientalista internazionale in una nota, "il lavoro di decontaminazione e' servito in sostanza solamente a 'spostare' il problema, ma non a liberarsene".

 

"Attualmente - si legge - 120 mila persone non hanno ancora fatto ritorno nelle loro case e il processo di decontaminazione sembra non conoscere fine. Le colline, le montagne e le foreste della Prefettura di Fukushima sono fortemente contaminate".

Il risultato, spiega Greenpeace, e' che "il materiale radioattivo viene dilavato attraverso i corsi d'acqua e raggiunge anche aree precedentemente decontaminate, ricontaminandole".

Tags:
fukushimagreenpeacenucleareambientecentrale nuclearerifiuti radioattivi
in evidenza
Matilda De Angelis contro l'estate: "La odio". Gallery mozzafiato

Così l'attrice combatte il caldo

Matilda De Angelis contro l'estate: "La odio". Gallery mozzafiato


in vetrina
Automotive ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti

Automotive
ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti


casa, immobiliare
motori
La mezzofondista Battocletti sceglie Honda Jazz per viaggiare verso il futuro

La mezzofondista Battocletti sceglie Honda Jazz per viaggiare verso il futuro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.