A- A+
Lavoro
Lavoro precario al massimo storico
logo fondazione studi
 

Secondo gli ultimi dati Istat, riportati sul sito de L'Espresso, nel 2015 il numero di precari ha raggiunto il massimo storico rispetto al totale dei lavoratori dipendenti. Dal 2004 al 2015, infatti, i precari sono diventati circa 270 mila in più, da aggiungere ai 2 milioni del 2005. Confrontando i dati con il contesto europeo, Eurostat segnala che in Italia il lavoro a termine è senza dubbio aumentato. Se nel 1983 i precari costituivano il 6,6% dei dipendenti, nel 2014% si è giunti al 13,6%.

Analizzando l'età dei lavoratori precari e la durata dei loro contratti emerge che il 57% dei giovani con meno di 25 anni sono stati assunti nel 2015 con un contratto a tempo determinato. Varie anche le tipologie di lavoratori temporanei: da professionisti e personale altamente qualificato agli operai specializzati alle forze dell'ordine. Suddividendo i precari per genere, le donne si concentrano nel settore dei servizi e della vendita commerciale mentre gli uomini sono impiegati per lo più in mestieri non qualificati.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.