Roma, 8 set. (Labitalia) - Sui tagli agli stipendi per la nuova Ita "noi proponiamo delle soluzioni che comprendono anche delle fasi di contenimento del lavoro per la fase di start up. Ma bisogna che ci sia un confronto non un susseguirsi di ultimatum. Si è passati dalla prima riunione per definire il contratto al 20 settembre e poi è diventato oggi... E' chiaro che è difficile da fare. Noi però gli elementi per trovare un accordo li vogliamo ricercare e crediamo che sia non corretto, non bello che un'azienda pubblica esca dal contratto nazionale". Così, con Adnkronos/Labitalia, il segretario nazionale di Uiltrasporti, Ivan Viglietti, sull'incontro di oggi tra sindacato e Ita, per il quale Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno inviato all'azienda un documento unitario di proposte alternative per il futuro della compagnia "Quindi siamo convinti che ci sia lo spazio per trovare un accordo e per fare partire nel migliore dei modi la nuova Ita", spiega. Le ipotesi sui tagli degli stipendi "che sono circolate e che Ita ci ha prospettato sono molto pesanti e soprattutto sono disarmoniche. Hanno dei problemi di impostazione retributiva, al di là del valore della singola voce o del complesso. Siamo in condizione di presentare delle proposte alternative. Ma dobbiamo sederci e farle. Ma se la trattativa è solo di facciata, perchè diventa solo un susseguirsi di ultimatum, con 'o si firma quello che è sul tavolo o io faccio partire il regolamento aziendale e vado da solo', allora la trattativa non esiste".E nel "documento di proposte unitario che abbiamo inviato poco fa -spiega Viglietti- e su cui ci confronteremo oggi pomeriggi sosteniamo l'ipotesi di un avviso comune sulla questione degli ammortizzatori sociali che devono accompagnare il piano di nascita e crescita di Ita e quindi il graduale riassorbimento del personale. In secondo luogo, il tema del contratto che deve essere nell'alveo del contratto nazionale. E poi accompagnare ciò con un accordo di start up che sia funzionale alle esigenze particolari che può avere un'azienda. Quindi norme di flessibilità , di riaccompagno nella fase di riavvio delle attività. Questi sono i punti centrali del documento, che secondo noi è sostenibile", conclude.

in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium

i più visti
i blog di affari
Green Pass obbligatorio, alternativa allettante: benedizione o campare d'aria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA
Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.