Roma, 13 apr. (Labitalia) - "Il governo ce l'ha con le imprese del settore estetico, visto che è stata disattesa una sentenza del Tar che sosteneva l'apertura dei centri estetici". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Roberto Papa, segretario nazionale Confestetica, associazione nazionale estetisti. "A gennaio - ricorda - il governo ha avuto la felice idea di chiudere i centri estetici, lasciando però aperti i parrucchieri; abbiamo fatto ricorso e abbiamo vinto. Nella sentenza c'è scritto che c'è stato un abuso di potere e che i relativi provvedimenti adottati dai tre dpcm sono illogici e immotivati"."Il mondo dell'estetica - sottolinea Papa - non va bene per il governo, così come non va bene il settore della ristorazione e dei maestri di sci. Perché se il presidente del Tar dice di riaprire i centri estetici, che sono servizi essenziali, non bisogna fare discriminazione tra una categoria e l'altra"."Con un secondo ricorso stiamo chiedendo di riaprire anche in zona rossa. Ci sono - rimarca - i medici estetici che sono aperti, così come il podologo e queste figure effettuano lo stesso tipo di attività che fa l'estetista. Stiamo, comunque, parlando di trattamenti estetici". "La Corte di giustizia, l'Agenzia delle entrate, il Mef e il ministero della Salute - elenca - hanno specificatamente scritto e bacchettato medici estetici dicendolo loro che alcuni trattamenti che fanno, come i botox, non sono sanitari e, quindi, ci si dovrebbe pagare l'Iva". "Inoltre - spiega Roberto Papa - i medici estetici hanno la licenza per fare trattamenti sanitari e non per fare trattamenti estetici. In Italia si contano 35mila centri estetici e circa 80mila persone occupate, di cui il 98,7% sono donne che devono fare i conti con ristori pari al 3-4% del fatturato".

in evidenza
Il WWF lancia l'allarme leoni Popolazione crollata del 90%

Green

Il WWF lancia l'allarme leoni
Popolazione crollata del 90%

in vetrina
Meteo choc, in arrivo fortti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo

Meteo choc, in arrivo fortti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo

motori
Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia

Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Mattarella, mossa segreta per far restare Draghi a Palazzo Chigi
Sorpasso in corso: il Pd di Letta ora può scavalcare la Lega
Conte avverte Draghi: “Difficile gestire un governo con una maggioranza così"


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.