dettaglio - Affaritaliani.it

Roma, 3 lug. (Labitalia) - "In Italia il concetto di sicurezza dovrebbe essere affrontato in maniera ben più ampia, partendo da una vera e propria cultura aziendale che si concentra non solo sul proprio sistema informatico ma anche, e forse ancor prima, su quello informativo". Lo dice a Labitalia Federico Protto, amministratore delegato di Retelit, uno dei principali operatori italiani di servizi dati e infrastrutture nel mercato delle telecomunicazioni e consigliere di Mix (Milan Internet eXchange). "Certo -ammette- sul mercato ci sono infrastrutture e tecnologie cloud di ultima generazione a elevate performance. Le aziende però dovrebbero concentrarsi non solo sul mettere in sicurezza le tecnologie e gli apparati elettronici, ma anche sull’educare a un atteggiamento 'sicuro' tutte le risorse umane all’interno dell’azienda finalizzate alla gestione dei dati prodotti durante l’esecuzione dei processi aziendali". "Il che significa, ad esempio, fare attenzione -sottolinea- ai device esterni che vengono collegati ai pc aziendali e proteggere i documenti sensibili e password di accesso". "I sistemi infetti negli ultimi giorni -commenta Protto- sono gli stessi sistemi non aggiornati e che erano già potenziali vittime del precedente virus Wannacry del mese scorso. Nonostante la paura di questa infezione, le aziende e utenti finali hanno completamente ignorato il problema senza modificare il sistema o alzare il livello di protezione. Per cui la risposta è positiva, Petya si poteva evitare o quanto meno ridurne la portata". "Negli ultimi anni -fa notare- aziende come Retelit, in gergo tecnico service provider, propongono pacchetti di sicurezza sempre più completi che hanno alzato le soglie di sicurezza. Si è passati dalla formula che prevedeva la sola vendita e gestione del firewall alla più recente Security control room, una piattaforma che permette alle aziende di avere un’infrastruttura a supporto che effettui un monitoraggio costante e proattivo del proprio network". "Per cui -sottolinea Federico Protto- il nostro suggerimento è di affidarsi a persone competenti, dotate degli strumenti adeguati".





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Gli Scatti d’Affari

IEG, a Rimini la VII edizione di MIR – Live Entertainment Expo

Gli Scatti d’Affari

Fuori Salone: le istallazioni più instagrammabili della Milano Design Week

Gli Scatti d’Affari

Jakala presenta SBAM: la creative agency superpowered

Gli Scatti d’Affari

Acqua Sant’Anna: inaugurata la mostra fotografica 'Acqua-Liquida bellezza'

Gli Scatti d’Affari

LVMH: al via il tour ‘You&ME’ per far scoprire i Mestieri d’Eccellenza

Gli Scatti d’Affari

Fondazione Cariparma conferma la propria crescita con un risultato di €54 mln

Gli Scatti d’Affari

Milano Design Week 2024, ad Alcova il pop up di Davide Longoni e MadreProject

Gli Scatti d’Affari

Gruppo Iren inaugura a Borgaro Torinese l’impianto ‘Circular Plastic’

Gli Scatti d’Affari

Zacapa rum sbarca alla Design Week milanese con 'Zacapa Soul Nest'

Gli Scatti d’Affari

Fidia Farmaceutici, ottenuta la certificazione per la parità di genere

Guarda gli altri Scatti
motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

I sondaggi di AI

Belve-Iene, sfida negli ascolti. Tu con chi andresti a cena?


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.