A- A+
Libri & Editori
Ianez: “Con la droga un'infanzia a metà, riscattata da scrittura e musica”

Andrea Iannone, in arte Ianez, è uno scrittore e cantautore abruzzese. Grazie alla musica e alle parole si è salvato da un’infanzia difficile dovuta ai problemi di tossicodipendenza nella sua famiglia, ma preferisce “non entrare nel dettaglio per non ferire nessuno”.

Ad aprile 2021 è uscito il nuovo singolo, Minerva, in cui racconta un amore finito, la delusione e l’ossessione del ricordo che torna attraverso le immagini di ciò che è stato.

Un brano a suo modo dolce, semplice, una sirena di sottofondo a sottolineare la guerra tra l’assillante desiderio di provarci ancora, perché forse sarebbe potuta andare meglio, e la volontà di liberarsi dal ricordo per poter ricominciare da capo. Affaritaliani.it ha intervistato Ianez per saperne di più.

Andrea, parlaci un po’ di te e di come sei arrivato a essere Ianez.

Da piccolo ero introverso e con una situazione famigliare pesante, tra problemi di tossicodipendenza e continui abbandoni. Ho iniziato presto a scrivere i primi racconti, perché certi problemi ti fanno vivere un’infanzia a metà e la penna mi è servita a sfogare il disagio, parlandone in terza persona. È stato anche un modo per prendere le distanze e riuscire a guardare tutto dall’esterno. Poi ho scoperto la chitarra: mi chiudevo in camera con dei metodi per aspiranti pessimi chitarristi e così mi sono avvicinato anche alla musica. Verso i quattrodici anni ho iniziato a fare parte delle prime band, e mi sono reso conto che il mio strumento più forte non era la chitarra ma la voce. Nei primi anni 2000 cantavo in una band black metal, i Melan Nepho Tsanatou, ma quando si è sciolta mi sono spostato sul rock italiano. Ho iniziato così a cercare la mia identità artistica e nel 2012 con lo pseudonimo di Renè Golconda sono riuscito a passare sul circuito radiofonico nazionale con un singolo arrangiato da De Rienzo, bassista dei Napoli Centrale, dal titolo Eri distratta. Nel 2018 è uscito il mio primo romanzo Sette foglie di oleandro, pubblicato da Lupi editore, che si è aggiudicato diversi premi letterari. Non ho mai smesso di suonare e di reinventarmi e così appena due anni fa, dall’incontro con il produttore Fabio Tumini e il bassista Lorenzo D’Annunzio, è nato il progetto Ianez.

E il singolo Minerva uscito ad aprile, che parla di una relazione finita ma ancora tormentata, argomento molto attuale in un momento storico in cui molti rapporti sono stati messi a dura prova dal lockdown. È una canzone che nasce da una tua esperienza personale?

Minerva non è un estratto della mia vita, non ha riferimenti personali e non è una dedica, volevo solo descrivere una sensazione, uno stato emotivo, che può capitare a chiunque di provare. Le relazioni sono difficili a prescindere da tutto. Certo le restrizioni da pandemia sono esasperanti, ma se due persone stanno bene assieme, se c’è amore e non solo passione, allora sono convinto che tutto si possa superare.

E dietro al riferimento a Minerva ci sono forse degli studi classici?

No, gli studi scolastici li ho affrontati con scarsi risultati. Sono però un lettore compulsivo e la mitologia mi è sempre piaciuta, perché incarna vizi e virtù degli uomini restando così sempre attuale. Nel mio brano, il mito della nascita della dea Minerva viene usato per rafforzare il concetto di ossessione e tormento: Giove che per liberarsi da un insopportabile mal di testa arriva a spaccarsi in due il cranio rende bene l’idea, l’immagine, della necessità fisica di aprirsi e togliersi quel tormento da dentro.

Dopo un anno di stop ai concerti in presenza, cosa ti aspetti dal futuro?

La mancanza di live è una sofferenza, un freno a tutto, dato che la musica vive di pubblico. Spero che al più presto si possa riprendere a guardare negli occhi le persone, a provare emozioni che solo il palco riesce a dare. Ho vissuto questo stop per quello che è, una necessità che va oltre le nostre volontà, ma non mi sono mai fermato e ho continuato a scrivere testi e racconti. Ho iniziato anche un nuovo romanzo e con varie formazioni ho partecipato a manifestazioni in streaming. Alcuni dei miei amici sono stati molto male per il Covid, per fortuna ora sono tutti vivi, ma questo mi basta per evitare polemiche sulle chiusure e concentrarmi sul lavoro.

Commenti
    Tags:
    andrea iannoneianezminervamusicalibri
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, non c'è pace nel weekend: piogge e temporali in agguato

    Meteo, non c'è pace nel weekend: piogge e temporali in agguato


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    ACI protagonista al Giro d'Italia con la campagna "Rispettiamoci"

    ACI protagonista al Giro d'Italia con la campagna "Rispettiamoci"


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.