A- A+
Medicina
Alzheimer: intelligenza artificiale prevede l'Alzheimer 10 anni prima

Intelligenza artificiale prevede l'Alzheimer con 10 anni di anticipo

 

Alzheimer diagnosi precoce:  grazie all’Intelligenza Artificiale prevedere l'insorgenza della malattia di ALZHEIMER con dieci anni d'anticipo potrebbe essere davvero possibile, secondo un gruppo di ricercatori del dipartimento di Fisica dell'Università degli studi di Bari e della locale sezione dell'Istituto nazionale di Fisica nucleare. 

I ricercatori hanno progettato e sviluppato un sistema di intelligenza artificiale in grado di rivelare automaticamente segni precoci della malattia nelle immagini cerebrali di oltre 200 soggetti. L’Alzheimer è una malattia neurodegenerativa che conduce alla demenza e alla perdita di memoria e funzioni cognitive. Non è ancora possibile effettuare una diagnosi in vivo della malattia, così i progressi per cercarne una cura avanzano con difficoltà. 

Il gruppo di ricerca è composto da Nicola Amoroso, Marianna La Rocca, Stefania Bruno, Tommaso Maggipinto, Alfonso Monaco, Roberto Bellotti e Sabina Tangaro. Le loro analisi hanno consentito di rivelare l'insorgenza dell’Alzheimer in una speciale classe di soggetti affetti da quello che in gergo clinico è detto "lieve indebolimento cognitivo", una condizione che può manifestarsi anche un decennio prima della patologia, con un'accuratezza dell'84%, fanno sapere i ricercatori.

 

Ricerca: l'intelligenza artificiale prevede l'Alzheimer 10 anni prima

 

I fisici dell'Università di Bari e dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare hanno intrapreso da vari anni un percorso di ricerca inter-disciplinare che punta di applicare le strategie di analisi tipiche dei big data all'ambito clinico diagnostico; già tre anni fa si erano infatti resi protagonisti della vittoria di una competizione internazionale organizzata dalla Harvard Medical School per l'uso di sistemi di machine learning per la diagnosi precoce della schizofrenia. Si tratta di analisi "molto complesse", che richiedono infrastrutture di calcolo e conoscenze tecnologiche di frontiera; il centro calcolo ReCaS di Bari ha rivestito un ruolo strategico per lo svolgimento delle analisi e l'ottenimento di questi risultati.

La ricerca, in fase di pubblicazione, ha suscitato già interesse in ambito clinico e accademico. Il professore di Neuroscienze Patrick Hof della Icahan School of Medicine della Mount Sinai di New York si è detto molto interessato a questi risultati. "Un metodo che consenta di diagnosticare l'Alzheimer con dieci anni di anticipo avrebbe un valore incredibile affinché nuove prospettive terapeutiche possano emergere", dichiara Hof in una nota dell'ateneo di Bari. 

 

Alzheimer diagnosi precoce con l’Intelligenza Artificiale 10 anni prima dell’insorgere della malattia

 

"Oggi, l'analisi dei fluidi cerebrospinali e l'imaging del cervello utilizzando traccianti radioattivi ci possono spiegare fino a che punto il cervello è coperto da placche e sono in grado di prevedere in modo relativamente preciso chi è ad alto rischio di sviluppare fra 10 anni l Alzheimer - spiega La Rocca su 'New Scientist' - Tuttavia questi metodi sono molto invasivi, costosi e disponibili solo in centri altamente specializzati".

La nuova tecnica può distinguere con una precisione simile tra cervelli normali e quelli di persone con un lieve declino cognitivo chi svilupperà l' Alzheimer in 10 anni, con una tecnica più semplice, meno costosa e non invasiva. E la ricerca a Bari non si ferma. La Rocca spiega che il suo team intende estendere la tecnica per la diagnosi precoce di altre condizioni neurodegenerative, come la malattia di Parkinson. "È un metodo molto versatile", conclude.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alzheimeralzheimer diagnosi precocealzheimer intelligenza artificiale
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.