A- A+
Medicina
“G20 investa nella medicina di genere, garantire alle donne diagnosi e cure

"Il G20 investa nella medicina di genere, garantire diagnosi e trattamenti a problemi di salute specifici delle donne. Il quadro politico 'Include - Reimagine - Grow' creato dalla nostra iniziativa speciale è una potente tabella di marcia per raggiungere l'equità di genere basata su un documento politico che delinea raccomandazioni, strumenti e Kpi". A rilevarlo è stata la presidente e Ceo del Gruppo Bracco, Diana Bracco, intervendo alla prima giornata del B20 Summit. Bracco ha quindi indicato che con l'iniziativa "abbiamo identificato 3 Kpi per monitorare più facilmente i progressi dei membri del G20 nell'attuazione delle nostre raccomandazioni". I 3 Kpi riferiti da Bracco indicano di "Includere più donne nella forza lavoro e nei settori ad alta crescita come le Stem. La nostra Fondazione Bracco, ad esempio, ha stilato un Manifesto che mira a facilitare l'accesso delle ragazze alle discipline Stem e affrontare efficacemente gli stereotipi nelle famiglie e nelle scuole; Reimmaginare una società più inclusiva in grado di abbattere gli stereotipi di genere, concentrandosi sulle competenze per le donne per migliorare il loro ruolo nella società e sviluppandole nel tempo, a partire dall'istruzione primaria e proseguendo attraverso l'istruzione secondaria; Far crescere l'economia aprendo la strada alle donne verso posizioni di leadership per raggiungere un maggiore equilibrio di potere tra uomini e donne". "Il documento -ha spiegato ancora la Ceo del Gruppo Bracco- suggerisce un approccio basato sulle competenze per promuovere l'occupazione femminile. Dobbiamo porre fine alla discrepanza tra domanda e offerta di competenze". "Incoraggiamo il G20 - è l'esortazione arrivata da Diana Bracco - a investire nella medicina di genere per garantire che i problemi di salute specifici delle donne siano adeguatamente diagnosticati e trattati. È una questione di scienza e di etica". "Ora è certamente il momento per i leader di essere coraggiosi e riuscire finalmente a migliorare il ruolo delle donne in tutto il mondo. Oltre alla dichiarazione e agli impegni, ciò di cui abbiamo bisogno è l'azione. E per farlo, dobbiamo definire Kpi chiari e misurare i loro risultati annualmente per avanzare concretamente" ha detto Bracco che, rivolgendo anche alla ministra per la Famiglia Elena Bonetti ha chiesto di fare "in modo che le imprese siano pronte a condividere l'onere e a sostenervi lungo tutto il percorso verso una vera emancipazione per le donne.

Bracco ha rilevato quindi che "nessun paese può eccellere senza il contributo delle donne; per questo tutti devono investire sul potenziale delle donne, impegnandosi nella lotta contro ogni tipo di condizionamento e discriminazione". Per la presidente e Ceo del Gruppo Bracco "inoltre, le proiezioni più accurate mostrano che il più grande motore di crescita internazionale in il prossimo futuro verrà proprio dalle donne nel mondo del lavoro"

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    donnesalutegenerebracco
    in evidenza
    A Parigi la pizza la fanno i robot Gli italiani insorgono sui social

    MediaTech

    A Parigi la pizza la fanno i robot
    Gli italiani insorgono sui social

    i più visti
    in vetrina
    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


    casa, immobiliare
    motori
    nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido

    nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.