A- A+
Milano
Milano, i monopattini sono l'ultima frontiera dell'intolleranza

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45


di Fabio Massa

A Milano non si fa altro che parlare di monopattini. Sono l'ultima frontiera dell'intolleranza. Riescono a stare sulle palle anche più delle biciclette, il che già sembrava incredibile. In fondo, quante volte ci siamo scandalizzati per i ragazzi che andavano in due in bici? Poche, perchè lo facevano già i nostri nonni, con lei sulla canna e lui sorridente col cappello. La verità è che siamo figli dei nostri tempi, e i nostri figli vivono la loro età. Se dai loro un monopattino, ci salgono in due, in tre, alcuni lo smonteranno per vedere che cosa c'è dentro. Iniziamo a smetterla di fare i bigottoni tutti contro i giovani. Se a un giovane dai un banco con le rotelle fa l'autoscontro. Vivaddio l'avrei fatto anche io alla loro età, e alla mia rido delle cavolate che ho fatto alla loro età. Decisamente più pericolose, peraltro. Tutta questa rottura di palle ai nostri ragazzi la pagheremo carissima, ma questo è un altro tema. Il problema che noi ci dobbiamo porre non è su come i ragazzi usano il monopattino, che è pericoloso tale e quale una bicicletta, e che è meno pericoloso della moto, che pure personalmente adoro, ma più pericoloso dell'automobile. I temi che ci dobbiamo porre sono due.

Primo: se la nostra città è in grado di reggere una mobilità mista nella quale convivano il suv con il monopattino con la bicicletta. Aggiungo che le bici freeflow, il cui fallimento è ormai decretato in tutta Europa, devono mettere in guardia dalle mode, anche dal punto di vista della mobilità. Ci sono sempre state le mode. Di skate, ad esempio, oggi se ne vedono in giro assai pochi e anni fa spopolavano. La novità è che adesso sono le amministrazioni che dotano di monopattini e bici le città. Un passo avanti, ma di quale attualità? Possiamo porci il problema di fare in modo che certe rivoluzioni siano permanenti e dunque accettabili? Se una bici è pesante, spesso rotta, con i freni inservibili le prime volte la prendo perché la provo, poi inizio a usare altro. E il free flow va a farsi benedire. Se un monopattino mi fa rischiare brutte cadute le prime volte lo provo, poi mi spavento e uso dell'altro. Torno cioè ai due mezzi che ho imparato a guidare, e che hanno richiesto a me un sacrificio in termini di tempo di apprendimento e di acquisto: l'auto e la moto.

Secondo: la città è strutturalmente pronta per i monopattini? Abbiamo un centro cittadino, e parlo di via Manzoni, dove il pave è talmente sollevato da essere fastidioso con le auto, e con moto che hanno ruote da 17. Figurarsi con le rotelline dei monopattini, che ovviamente vanno sui marciapiedi a fare il pelo ai passanti. Di via Ludovico il Moro, luogo dove dovrebbero essere testati i carriarmati, tanto è dissestato, non voglio neppure parlare. Considerato che il monopattino certo non serve per andare da Bovisa a Stadera, ma per muoversi su distanze brevi, in centro, possiamo avere strade che siano meno pericolose? Senza enormi buche provocate non dalle auto, ma dalla presenza di binari che rialzano i pavè. Ecco, per questo motivo forse bisogna uscire dalla partigianeria auto contro moto, moto contro bici, bici contro monopattini e monopattini contro pedoni.

Loading...
Commenti
    Tags:
    salamilanomonopattinipista ciclabili

    Regione Lombardia Video News









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Il crepuscolo della ragione. Davvero lo è? Ne parlo con il sociologo Giovanni Cozzolino
    Di Antonella Gramigna
    1-2 ottobre appuntamento con l’AIM Investor Day di IR Top Consulting
    Paolo Brambilla - Trendiest
    6 Trend per la moda uomo dell'autunno-inverno 2020
    Anna Capuano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.