A- A+
Milano
Alitalia, grosso guaio per Milano: altro che Malpensa, Linate è out

Alitalia, grosso guaio per Milano: altro che Malpensa, Linate è out

Concentrarsi sulla luna e non sul dito. Alitalia taglia due voli da Malpensa e scoppia il caos. Politico ovviamente. Il Carroccio tuona contro il governo e Beppe Sala. Grimoldi, il segretario lombardo: "Nel giro di pochi giorni Alitalia lascia Malpensa dopo 72 anni, con evidente danno per il traffico dello scalo varesino e per tutti quelli che volano su Malpensa, e i Cinque Stelle presentano un emendamento al decreto legge Agosto al Senato per togliere la concessione ferroviaria a Ferrovie Nord e nazionalizzare la rete lombarda trasferendola al carrozzone di RFI. Il Governo a trazione penta stellata, con l’avallo silenzioso degli zerbini del PD, ha deciso di dichiarare una guerra economica e infrastrutturale alla Lombardia? Basta saperlo. Anche se i fatti parlano da soli". Bolognini, il segretario cittadino: "La vicenda Alitalia, che dall’1 ottobre chiuderà i collegamenti tra Roma e Milano, è a dir poco folle. Quello che è ancora più grave però è il silenzio (assenso?) del Governo e di Beppe Sala. Davvero il Sindaco non ha niente da dire su questo tema?".

Il problema, al di là della politica, è più complesso. E andrebbe analizzato partendo dagli effetti che ha Alitalia sulla città di Milano. E non su Malpensa, scalo dal quale ha levato due voli al giorno, e dunque praticamente nulla. Malpensa è uno scalo nel quale Alitalia non occupa la gran parte degli slot. Il problema vero si chiama Linate. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it Milano, lo scalo è letteralmente paralizzato da Alitalia, che ha i tre quarti degli slot, e che con la sua scarsa movimentazione produce un danno a Sea da 2 milioni al mese. Ma c'è di più. Perché una notizia che è passata praticamente sotto silenzio rischia di impattare fortemente sia sui conti di Sea che, soprattutto, sull'occupazione dei lavoratori. Alitalia ha infatti deciso di gestire internamente, non appoggiandosi più a Airport Handling, i servizi di terra. I servizi di terra sono il check in, gli imbarchi e la rampa. Attualmente Airport Handling vede Sea con una quota minoritaria, mentre il grosso del capitale è del gruppo internazionale Dnata. Secondo i sindacati di base Cub, Alitalia gestirà questi servizi "non solo utilizzando il proprio personale già in forza a Linate, ma anche assumendo personale precario e sottopagato, e, come se non bastasse, impiegando a Linate anche staff con base a Roma Fiumicino".

Ma c'è di più. Perché secondo gli esperti di compagnie aeree e tratte, Alitalia starebbe cercando accentrare su Fiumicino tutti i voli intercontinentali. Dunque, invece di partire da Malpensa, trasferisce i viaggiatori da Linate a Roma e da Roma si dirige verso il mondo con le tratte lunghe. Che, come spiegano gli esperti, sono quelle davvero redditizie.

Insomma, il problema di Milano (forse) non sono tanto i due voli da Malpensa a Roma. Ma i voli a lungo raggio che progressivamente Alitalia vuole effettuare da Roma e non più dall'aeroporto varesino. E un intero scalo, Linate, che non ha una visione sul futuro, bloccato nelle maglie di una compagnia aerea che ogni giorno, ogni ora, fa male alla città.

fabio.massa@affaritaliani.it

Loading...
Commenti
    Tags:
    alitalialinatemalpensa

    Regione Lombardia Video News









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Bussola Italia: bene cabina di regia per Recovery Fund, ma governance chiara
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Se la Miss bussa alla porta? Tenetevi pronti ad un nuovo format
    Rudy Cifarelli
    Covid, il distanziamento senza fine non può essere la nuova normalità
    Di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.