A- A+
Milano
I migranti hanno la “liquidazione”. La denuncia: 500 euro a clandestino

di Fabio Massa

Esiste una questione economica legata ai richiedenti asilo. C’è un lato umano, ovviamente da tenere in considerazione. Perché qui c’è carne, e sangue, e affetti, ed esperienze. Ci sono i bambini. Ma dietro tutto questo ci sono anche e soprattutto i soldi. E non solo i famosi 35 euro che per ogni aspirante profugo vengono stanziati dall’Europa. Ci sono i soldi per i bambini, chi sono le cooperative. Ci sono le realtà che con i migranti lavorano. E lavorano non gratis et amore dei, ma pagate proprio dai quei 35 euro al giorno. E che alla fine, secondo la denuncia di Pietro Tatarella, in diretta a Telenova durante la trasmissione condotta ogni lunedì da Adriana Santacroce (Linea d’Ombra, dalle 20.30 alle 23), sono pronte anche a dare la “buonuscita” a chi da richiedente asilo diventa clandestino (perché la prefettura non lo riconosce profugo), e quindi da ospita pagante diventa ospite non gradito. Tatarella, recordman di preferenze con Forza Italia nell’ultima tornata elettorale, si è spinto a dare una cifra: “Io so che ci sono associazioni e realtà che pagano 500 euro perché i richiedenti asilo che sono stati dichiarati clandestini, per i quali quindi non vengono più percepiti i 35 euro, lascino strutture che altrimenti non vorrebbero abbandonare”. Il meccanismo, secondo Tatarella, è semplice: “Se ci sono tre persone in una famiglia, prendono 1500 euro e vanno”. Peccato che magari, dopo poco, si ritrovano in mezzo alla strada, a carico del servizio che assiste i clochard e il cui costo è a carico dei milanesi.

Ora, sulla questione dei richiedenti asilo servirebbe un po’ meno buonismo e un po’ più verità. Di quelle magari molto concrete, un po’ prosaiche, stante il fatto che “milanesi brava gente” è un dato acquisito e inconfutabile, vista la capacità di accoglienza che solo qui, in tutta Italia, può far davvero inorgoglire. Le verità un po’ scomode sono che la riunione che Beppe Sala ha fatto con i sindaci è formalmente assolutamente inutile. E’ la prefettura che decide dove vanno i profughi e come vengono ripartiti. Non il sindaco di Milano né il sindaco della città metropolitana. E questo è un fatto. Ed è un fatto anche che i 19 sindaci che hanno detto sì, e quello che ha detto no, nella riunione dell’altro giorno, lo hanno detto senza alcun potere di veto. Perché se la prefettura ordina, il sindaco esegue. Che sia della Lega Nord, del Pd o della religione rastafariana. A che cosa è servita, dunque, la riunione con Beppe Sala? “A conoscersi”, commenta Marco Alparone, sindaco di Paderno Dugnano. “Anche se io ho avuto il coraggio di dire a Sala che siamo colleghi, mica che qui comanda lui. E’ importante che quando ci sediamo a un tavolo si capisca che siamo tutti sindaci, noi e lui. E non c’è uno che comanda e gli altri che eseguono”. Prefetto escluso, ovviamente.

@FabioAMassa
fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
migranti liquidazionemilano immigrati









UNA RETI
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Bonus Inps e i furbetti: sdegno e levate di scudi. Ma quando capita ai comuni cittadini...
Di Massimo Puricelli
Rinnovo del passaporto tra genitori separati o in pessimi rapporti: come fare?
di Avv. Flaminia Rinaldi*
Una sceneggiatura teatrale scritta dall'intelligenza artificiale
Maurizio Garbati


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.