A- A+
Milano
Bandiera Regione, rosa camuna o croce di San Giorgio? Maroni lancia il sondaggio

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha lanciato un sondaggio dal suo profilo Twitter sul tema della bandiera regionale. "Bandiera di @LombardiaOnLine: c'e' chi vuole sostituire la Rosa Camuna con la croce di S.Giorgio. Che ne pensate? ", ha scritto il governatore, rivolgendosi ai cittadini lombardi. Sulla questione in Consiglio regionale e' stato istituito, un mese fa, un gruppo di lavoro per cercare di arrivare a un progetto condiviso in modo da dotare la Lombardia di una bandiera ufficiale, partendo dai due progetti di legge depositati (uno dalla Lega nel 2013 e un altro dalla maggioranza di centrodestra nelle scorse settimane.

MA IL GRUPPO DI LAVORO E' 'AL PALO'/ Il gruppo di lavoro sull'istituzione della bandiera della Lombardia e' "al palo" e "Ncd e FI latitano". Questa l'analisi fatta dal consigliere regionale del Pd, Fabio Pizzul, dopo che il governatore leghista Roberto Maroni ha lanciato un sondaggio via Twitter sulla bandiera regionale. "Leggere le dichiarazioni di Maroni mentre in commissione Affari istituzionali si rinvia nuovamente l'avvio del gruppo di lavoro sulla nuova bandiera lombarda per spaccature o ritardi all'interno della maggioranza e' davvero una divertente coincidenza", ha sottolineato Pizzul. Il pdl presentato a marzo dal centrodestra, che prevede la compresenza dei simboli della croce di San Giorgio e della Rosa Camuna sulla bandiera della Regione Lombardia, e' una "proposta non piace proprio a nessuno: Ncd e Forza Italia non hanno ancora segnalato chi dei propri consiglieri partecipera' al gruppo e la loro presenza e' necessaria per far partire i lavori".  Secondo Pizzul "Lega Nord e Lista Maroni resistono imperterrite nonostante il presidente abbia definito il progetto della nuova bandiera un vero pastrocchio". E "adesso si riparte con il sondaggio online almeno stavolta i capricci del Carroccio non costano nulla alle tasche dei lombardi".

Anche il consigliere regionale del Patto civico, Roberto Bruni, che attacca: "a Maroni si trastulla con amenita' social su una proposta leghista che peraltro non piace a lui per primo e non piace nemmeno a un bel pezzo della sua maggioranza". Ma critiche arrivano anche dal Movimento 5 Stelle, con il capogruppo Dario Violi che sottolinea: "Dopo un inno dalla gestazione infinita, subito scomparso nel nulla, un padiglione a Expo con una croce a simbolo della Lombardia coperto in tutta fretta da uno straccetto, arriva un sondaggio lanciato via Twitter su di una bandiera che puo' benissimo restare quella che e'". Violi, quindi, ironizza: "Di questo passo, ci attendiamo da Maroni il via libera a un tavolo di lavoro per scegliere la tappezzeria per gli uffici di Palazzo Lombardia". Invece, conclude il capogruppo M5S, "il presidente dovrebbe rivedere la sua agenda di priorita' tornando alle questioni serie: i cittadini lombardi attendono risposte su occupazione, sanita' e ambiente che la sua traballante maggioranza non e' in grado di dare". Da parte sua, il capogruppo della Lega Nord al Pirellone, Massimiliano Romeo, ha difeso il progetto di legge presentato dal centrodestra: "Credo che nella bandiera della Lombardia possano starvi sia la Rosa Camuna che la Croce di San Giorgio". Infatti "sarebbe un peccato rinunciare a uno di questi due simboli cosi' importanti nella storia e nella tradizione lombarda". E, dopo che il governatore Maroni ha parlato del rischio di un "pastrocchio", Romeo ha sottolineato: "Vi e' certamente il rischio di un pastrocchio, come sostiene Maroni, ma allo stesso tempo sussiste anche l'opportunita' di realizzare un significativo connubio fra i due emblemi".

Tags:
roberto maroniregione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.