A- A+
Milano
Bassetti e Albertini, perché deve finire l'epoca dei manager
Gabriele Albertini

di Edoardo F. Scarpellini

Leggere in questi giorni le interviste di Piero Bassetti e di Gabriele Albertini lascia qualche rimpianto. Il rimpianto della Politica. Sono le interviste di un politico e di un imprenditore diventato politico. E' interessante vedere come si è evoluta, termine usato per indicare la prosecuzione temporale e non uno sviluppo, la Politica ma in generale la classe dirigente. Prima avevamo i politici di professione, gente preparata per fare quel mestiere, nel bene e nel male. Poi si è detto che la politica non doveva essere un mestiere (le ragioni sono ancora oscure) e si è passati agli imprenditori prestati alla politica. Infine si è arrivati ai manager prestati alla politica. Nel mentre ovviamente c'è la storia dell'uomo qualunque, ma quella è una favola, non certo storia. Oggi abbiamo manager in ogni posizione apicale della vita pubblica. Il Politico e l'imprenditore sono categorie viste con diffidenza.

Leggendo le interviste di Bassetti e Albertini mi è parso chiaro che la Politica può essere fatta solo da politici, o da imprenditori, ma sicuramente non da manager. Politici e imprenditori hanno in comune un fattore importante, sono l'espressione di una moltitudine (rappresentata dai votanti per i politici e dal mercato per gli imprenditori); sono quindi entrambi portatori di una visione, giusta o sbagliata, che per funzionare ha bisogno della pluralità. I manager sono invece espressione di una solitudine, termine usato in contrapposizione a moltitudine, perchè la loro gestione, e non visione, per essere attuabile deve anzitutto essere accettata da pochi. Il manager quindi difficilmente è portato a prendere posizioni nette, scelte rivoluzionarie, soprattutto di questi tempi. Perchè l'autoconservazione del manager è una questione individuale mentre l'autoconservazione del politico e dell'imprenditore è un questione plurale. Idem per i tempi, l'imprenditore e il politico parlano con una visione a lungo termine, anche qui basti leggere le sopra citate interviste, mentre il manager ha per necessità propria una visione a breve, massimo medio termine.

Stiamo entrando in un periodo in cui saranno necessarie scelte rivoluzionarie, abbiamo quindi bisogno di politici o, alla peggio, di imprenditori.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bassettialbertinimanagercoronaviruscoronavirus milanocoronavirus lombardiacoronavirus italia






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.