A- A+
Milano
Beppe Sala torna in Tribunale. Expo, appello il 17 settembre
Beppe Sala

Beppe Sala torna in Tribunale. Expo, appello il 17 settembre

Beppe Sala dovrà tornare in Tribunale il 17 settembre. Prima udienza del processo d'appello su Expo. E in quella sede dovrà dire se rinuncia alla prescrizione oppure no. Questo, secondo quanto può riferire Affaritaliani.it Milano, è il fatto.

Un fatto che però rende più lampante il problema. Che è un problema grosso, immenso. Beppe Sala prima di essere un politico, e dunque criticabile per motivi ideologici o pratici, logici o illogici, è stato un manager di successo. E il suo più grande successo, riconosciuto da tutti, è stato dapprima tirar fuori dal pantano le Esposizioni Universali, finite nelle sabbie mobili di una politica irresponsabile, e poi farle diventare il motivo di volano di Milano. Se Milano è stata "the place to be", il luogo ideale, almeno fino a prima del Coronavirus, è stato in parte anche per l'impresa di Beppe Sala con Expo. Tuttavia, secondo i giudici, per conseguire questo successo, Beppe Sala ha dovuto firmare due documenti retrodatati. Qualcuno ci ha guadagnato? Stando alla sentenza di primo grado, assolutamente no. Qualcuno è stato danneggiato? Stando alla sentenza di primo grado, parimenti no. Tuttavia per il tribunale l'errore è stato fatto, e dunque c'è da prenderne atto e comminare una pena che - a detta di tutti - sembra quasi una medaglia al valore. Già fin qui siamo nel campo del paranormale: una giustizia talmente ingiusta da condannare uno che dovrebbe essere premiato. Esattamente come fecero in primo grado con Christian Malangone, attuale dg del Comune, poi giustamente assolto in secondo grado.

Ma visto che a un assurdo segue l'altro, il sindaco ha dovuto ricorrere in corte d'appello. Per provare a ottenere un'assoluzione da una sentenza che pare una medaglia al valore, e levarsi di dosso anche quella condanna che pare una medaglia al valore. Ma per farlo, deve rinunciare alla prescrizione. E rischiare di essere condannato una seconda volta. Perché - stando ai rumors di Palazzo di Giustizia - la sentenza così com'è stata scritta dal primo giudice è difficile ribaltarla per un secondo tribunale. In fondo, su tutto, rimane la domanda: perché da cinque anni quasi sei la giustizia italiana, e dunque tutti noi visto che viene amministrata in nostro nome, stiamo processando un uomo che ha fatto palesemente il suo dovere e pure qualcosa di più?

fabio.massa@affaritaliani.it

Loading...
Commenti
    Tags:
    beppe salaexpo











    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Esercito per strada, coprifuoco, divieto di assemblea: che sta succedendo?
    Campagna di crowdfunding su Crowdfundme per Esdebitami Retake, Società Benefit
    Greta V. Galimberti - Trendiest
    Il mercato della bici in Italia viaggia veloce. Intervista a Gianluca Bernardi
    Francesca Lovatelli Caetani


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.