A- A+
Milano
Coronavirus, duecento detenuti a Bollate pronti allo sciopero della fame

Coronavirus, duecento detenuti a Bollate pronti allo sciopero della fame

Coronavirus, duecento detenuti del carcere di Bollate ammessi al lavoro esterno potrebbero iniziare uno sciopero della fame, dopo il blocco dei permessi dovuti all'emergenza. La protesta dovrebbe iniziare domani, come spiegato da Francesco Maisto, garante dei diritti delle persone private della liberta' personale del Comune di Milano, intervenuto in video conferenza alla commissione consiliare Carceri dedicata alle rivolte e all'emergenza sanitaria. "Siamo in una situazione in cui e' improbabile che ci siano altre rivolte, ma io temo forme di protesta autolesive. Ad esempio, ho avuto la notizia che duecento detenuti a Bollate sono in una situazione in cui potrebbero iniziare uno sciopero della fame a partire dal 24 marzo", ha spiegato Maisto. Si tratta - ha aggiunto il garante di "duecento detenuti che sono ammessi al lavoro esterno ex articolo 21", che "dopo un lungo percorso fino a prima dell'epidemia ogni giorno andavano a lavorare. Da loro mi e' un giunto un appello: attraverso alcuni meccanismi, se i magistrati di sorveglianza emettessero in tempo i provvedimenti, potrebbero uscire a svolgere delle attivita' oppure lavorare da remoto nelle proprie case".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscarcere bollatesciopero fame






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
    Boschiero Cinzia
    "Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
    Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.