A- A+
Milano
Coronavirus, i senzatetto di Milano al sindaco: "Abbiamo fame". VIDEO

Coronavirus, i senzatetto di Milano al sindaco: "Abbiamo fame"

Parla Nonna Kikka, dalla casbah di Porta Venezia, leader di almeno duecento “miserables”, senza tetto  all’addiaccio nel centro storico di Milano: “Signor  sindaco, i poliziotti continuano a fermarli, gli chiedono la autocertificazione… dove possono andare? “ afferma, con qualche  invettiva di troppo, ma con schiettezza tutta meneghina.

Accorato appello  dei  nuovi “sanculottes”, i “senzamascherina” che vivono per  strada e che minacciano una marcia su Palazzo Marino. Sono duecento ( qualcuno li chiama alla parigina , romanticamente, clochard ) i  vagabondi  senzadimora per scelta o per destino, che  sotto i portici del centro dal Quadrilatero  fino all’Arengario  girano spaesati. La questua in Galleria, un tempo. Venti euro raccolti da chi ha il cuore in mano per mangiare. Ed ora nella città svuotata per il virus?

”Signor sindaco, vorremmo lavarci. Signor sindaco, ci tolga da questa vita di m…( il bip è d’obbligo)”, dice Guido. Nel suo curriculum vitae, cinque anni di  pernottamenti sotto i portici,Quanti sono i senzacasa a Milano? E come sopravvivono oggi ai tempi della quarantena?Eravamo abituati a vederli girare per le strade del centro con tutti i loro bagagli. Era la loro casa. Poi a sera, spuntavano le loro tende, e i  nomadi metropolitani si addormentavano davanti  alle vetrine.

Oggi sono sempre lì,  sotto i portici. La gente non passa più, non butta uno  spicciolo  davanti al loro materasso. Ma al mattino, i rari passanti  che escono dopo il coprifuoco  li ritrovano   negli stessi posti di sempre. 

A casa di  una volontaria  della associazione Protetto che li assiste da anni, qualcosa  oggi bolle in cucina, vengono preparati duecento piatti caldi, poi un senza dimora suonerà al citofono di casa, e porterà i cartocci agli invisibili. Il salotto  di casa di Fernando  Barone è  così diventato  il magazzino  e la cucina dei senza dimora.

Nonna Kikka e il Fernando ( volontari  della associazione Protetto) hanno avuto un’idea: dare un telefonino in mano ai senzatetto. Perchè  siano in grado di testimoniare le notti al freddo al sindaco. Storie disperate, che ora un  video  (un docu film, direbbero i cinefili)  racconta a chi è chiuso in casa, solo, ma al caldo e non sa del problema.

Docce  e  bagni: tutti chiuso. Serrate anche le mense. Peer i bisogni corporali, ci si arrangia sotto i portici  di san Babila. Guido ha così usato un telefonino per filmare la realtà notturna dei senza casa.

Ecco la storia di Salvatore, un filosofo clochard che viene da Siracusa, la città di Archimede. Anni che dorme in un sacco a pelo. Poi, un’occhiata dietro san Babila. Oggi  la piazza è  deserta… ieri i portici erano affollati da duecento invisibili.

Come farà oggi a sopravvivere Marco, il padrone di  un mastino, Garko? Franz  invece gira ancora sotto i portici di piazza Duomo. Un giorno era felice, aveva trovato una donna…

Molti sono fuggiti dal centro, e si sono rifugiati nel suk di porta Ticinese. Da anni  sotto i portici  della Darsena è sorto un villaggetto di cartoni. Spesso viene sgomberato, ma oggi i materassi sono  tollerati e sono ricomparsi.

A Las Vegas il problema è stato risolto mettendo a disposizione dei senzacasa un enorme parcheggi, naturalmente i  sacchi a pelo vengono distanziati , a misura cautelare per  il contagio.Ma è questa la soluzione?

“Sono almeno duecento in centro; duemila in tutta la città.  Molti vengono  a casa mia a prendere due volte alla settimana un piatto caldo. E’ il passa parola: nessuno dà loro da mangiare. La loro quarantena è eterna ed è sotto le stelle. Non hanno docce, il wc è un sottoscala  di un parcheggio nel centro.Puzzano: ma non è  solo  un problema d’igiene. Egoisticamente si potrebbe  pensare: lascati soli,  infetteranno la città, alla faccia di tamponi, mascherine e respiratori” racconta Fernando.

“Ci sono tantissimi hotel chiusi, conosco il proprietario di un ostello a bassissimo costo che sarebbe disposto ad ospitarne centocinquanta. Ha contatto il comune, Nessuna risposta. Ma il sindaco non ci sente. Li lascia per strada. E il contagio?”

La parola agli invisibili: eppure, a differenza del virus, è visibilissima a sera una città sommersa di materassi, cartoni e tende davanti alle vetrine  chiuse del pret a porter.

"Le docce sono chiuse, e così le mense. Non c’è gente in giro e quindi non possiamo chiedere l’elemosina” racconta Salvatore. Qualcuno si sbilancia e infrange la dignità che circonda di solito un clochard, quasi un aplomb romantico: "Abbiamo fame, siamo disperati”, ammette Guido. "Signor sindaco, lei si può permettere a sera una doccia calda. E loro? Ciccia! Mi rivolgo alla giustizia divina”  dice nonna Kikka, E giù qualche maledizione alla frà Cristoforo. In fondo, il seicentesco lazzaretto è proprio all’angolo.

Loading...
Commenti
    Tags:
    milanocoronavirussenzatetto











    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Giampaolo Giorgio Berni Ferretti presenta il suo libro MILANOVENTUNOPUNTOZERO
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Covid, serietà? Non è la prerogativa che più si può predicare degli italiani
    Carlo Curti Gialdino, Diritto diplomatico-consolare internazionale ed europeo
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.