A- A+
Milano
Coronavirus, Ospedale Sacco: scoperti due anticorpi per possibile cura

Coronavirus, Ospedale Sacco: scoperti due anticorpi per possibile cura

Due potenti anticorpi scoperti all'Ospedale Sacco di Milano potrebbero essere prodotti per la cura dal Covid-19 se si confermera' che sono in grado di bloccare il virus: la conferma e' arrivata responsabile del reparto di Malattie infettive del nosocomio, Massimo Galli, in un'intervista a La Stampa. "Sono stati isolati due anticorpi derivanti da altrettanti donatori", ha spiegato Galli, "ce ne sono almeno altri due al mondo, ma questi sono due in piu' e visto il loro potenziale terapeutico potrebbero essere riprodotti su larga scala". Per l'infettivologo e' difficile prevedere se si arrivera' prima agli anticorpi o ai vaccini: "Per entrambi vale il detto 'prima i dati poi le date'. Se gli anticorpi funzionassero sarebbero un'evoluzione della terapia del plasma perche' ne userebbero il principio attivo come cura. Il vaccino sarebbe preventivo ed e' sempre meglio prevenire che curare". Quanto all'arrivo dell'influenza di stagione, per Galli "e' un grande problema, bisogna stare attenti e aumentare la capacita' di fare tamponi". 

Lo studio sugli anticorpi neutralizzanti del coronavirus a cui collabora l'ospedale "Sacco" di Milano puo' aprire nuove prospettive di cura. "E' uno studio - ha detto - a cui abbiamo partecipato e dato un contributo importante. Questa degli anticorpi neutralizzanti e' una strategia: avevamo una ricerca di neutralizzanti con Hiv e si e' passato il metodo al coronavirus. E' un risultato importante perche' gli anticorpi sono in grado di bloccare l'accesso del virus alle cellule. Se si riuscisse a produrre in quantita' industriale, e le tecnologie ci sono, e usarlo sui pazienti avrebbero una efficacia maggiore ad esempio del plasma". Dunque lo studio offre nuove prospettive di cura? "Credo proprio di si', ma c'e' un lungo lavoro da fare". A proposito della situazione italiana, Galli ha sottolineato che "in Lombardia e nel mio ospedale non e' cosi' allarmante come sta iniziando a essere in altre realta'. L'estate ha rimescolato le carte, ha visto la diffusione in luoghi in cui il virus non era stato presente o era poco presente. Purtroppo, gran parte dei vantaggi del lockdown ha rischiato di andare alle ortiche per un atteggiamento abbastanza sconsiderato". Ora, "in tutti gli ospedali di Italia si sta riattivando tutta una serie di possibilita' e programmi eventualmente per far fronte alla situazione. Pero' regioni che per mesi non hanno quasi avuto casi stanno cominciando ad averne e questo implica la necessita' di fare grande attenzione nel controllare i focolai e di tenere salda e rinforzare la medicina territoriale". Galli ha anche ripercorso l'origine del virus. "Questo - ha sottolineato - e' il terzo coronavirus gravemente patogeno dal 2003, in precedenza c'erano stati vari altri coronavirus piu' "buoni". Questo e' il piu' tosto, in grado di diffondersi con grande capacita' in modo estremamente efficace. Ragionevolmente ha attecchito nell'uomo tra ottobre e novembre dello scorso anno, quasi certamente in Cina ed e' quasi certo che un pipistrello insettivoro sia stata la fonte mentre se il passaggio e' avvenuto direttamente o con un veicolo intermedio non e' dato saperlo. La possibilita' che derivi da una manipolazione o che sia stato creato in laboratorio secondo me e' una fake news, non ci sono notizie e dati che possano far pensare questo".

Coronavirus, San Raffaele: identificati anticorpi legati a bassa mortalita'

Grazie a un approccio innovativo solitamente usato per lo studio dell'autoimmunita' nel diabete di tipo 1, un gruppo di ricercatori dell'IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano ha mappato la risposta anticorpale di 509 pazienti con Covid-19 ricoverati presso l'istituto e ha identificato una classe di anticorpi molto efficaci nel combattere l'infezione: la presenza di questi anticorpi nel sangue e' associata a una riduzione della mortalita' di oltre il 60 per cento. La ricerca, pubblicata sul prestigioso Journal of Clinical Investigation, e' stata condotta nei laboratori dell'Istituto di Ricerca sul Diabete diretto da Lorenzo Piemonti, professore associato presso l'Universita' Vita-Salute San Raffaele. L'approccio impiegato, per cui e' stato appena depositato un brevetto di proprieta' intellettuale, potrebbe aiutarci a riconoscere i pazienti a maggior rischio e permettera' di testare in modo piu' preciso l'efficacia dei vaccini attualmente in sperimentazione. Il lavoro e' stato condotto all'interno del maxi studio clinico osservazionale su Covid-19 coordinato da Alberto Zangrillo, prorettore dell'Universita' Vita-Salute San Raffaele e direttore delle Unita' di Anestesia e Rianimazione Generale e Cardio-Toraco-Vascolare, e da Fabio Ciceri, direttore scientifico dell'IRCCS Ospedale San Raffaele e docente di Ematologia e Trapianto di Midollo dell'ateneo. Gli anticorpi sono molecole speciali prodotte dal nostro sistema immunitario, costruite su misura per riconoscere una minaccia e aiutarci a sconfiggerla. Oltre a essere coinvolti nella risposta alle malattie infettive causate da virus e batteri, gli anticorpi giocano anche un ruolo nelle malattie autoimmuni. In questo caso invece di riconoscere una minaccia esterna, gli anticorpi riconoscono cellule dell'organismo e guidano il sistema immunitario del paziente ad attaccarle, producendo un danno. "Rispetto alla situazione di una malattia virale, nel caso delle malattie autoimmuni - come il diabete di tipo 1 - la quantita' di anticorpi presenti nel sangue e' piuttosto bassa. Rilevare queste molecole con successo e distinguerle richiede metodiche ad alta sensibilita' e specificita'," spiega Piemonti. L'intuizione dei ricercatori e' stata quella di applicare queste metodiche avanzate di studio degli anticorpi, sviluppate nel campo delle malattie autoimmuni, al Covid-19. "Analizzare il siero dei pazienti infettati dal nuovo coronavirus con il test che abbiamo sviluppato e' un po' come guardare con un microscopio invece che con una lente di ingrandimento", dice Piemonti. Non tutti gli anticorpi per SARS-CoV-2 sono uguali. "Bisogna ricordare che gli anticorpi non sono tutti uguali e possono riconoscere e legare punti diversi dello stesso virus determinando conseguenze differenti per la sua sopravvivenza e la capacita' infettiva", spiega Piemonti. Ecco perche', nello studio, i ricercatori hanno scoperto che alcuni tipi di anticorpi sono particolarmente efficaci nel combattere il nuovo coronavirus: sono quelli che riconoscono una regione relativamente piccola della proteina Spike, la proteina che permette al virus di agganciarsi alle cellule ed infettarle. Nel gruppo di pazienti con questo tipo specifico di anticorpi la mortalita' risulta ridotta del 60 per cento rispetto alla media. "Tra i tanti anticorpi possibili, capire quali sono piu' efficaci per sconfiggere SARS-CoV-2 e' fondamentale, perche' sono quelli che vorremmo monitorare nei pazienti, vorremmo utilizzare a scopo terapeutico e di cui vorremmo sollecitare la produzione con un eventuale vaccino", sottolinea Piemonti. Oltre a rilevare gli anticorpi per SARS-CoV-2, i ricercatori del San Raffaele hanno testato il siero dei 509 pazienti anche per la presenza di anticorpi contro altri virus, in particolare quelli dell'influenza stagionale e altri coronavirus piu' comuni, i responsabili dei raffreddori stagionali. Questo e' stato fatto per capire se la memoria anticorpale del sistema immunitario verso altri virus sia in grado di influenzare la risposta contro SARS-CoV-2. Secondo quanto ottenuto dai ricercatori, in una certa quota di soggetti si e' evidenziata la presenza di una risposta anticorpale recente contro il virus dell'influenza, ma questa non si associa a un peggiore outcome clinico dei pazienti positivi al Covid. "In altre parole, avere avuto una recente infezione da virus dell'influenza non sembra peggiorare le probabilita' di guarigione in caso di COVID-19", spiega Piemonti. "Un risultato incoraggiante considerato l'arrivo della stagione invernale e la presenza combinata dei due virus. Questa evidenza pero' non ci deve dissuadere dal seguire la raccomandazione a sottoporsi alla vaccinazione antiinfluenzale", aggiunge. Piu' complesso e' risultato il rapporto con la risposta immunitaria verso altri coronavirus. Infatti, l'infezione da SARS-CoV-2 risveglia la memoria anticorpale pregressa suggerendo un ruolo importante delle precedenti infezioni nella risposta contro il nuovo virus. "Nel rapporto con il sistema immunitario e con la sua storia pregressa sta probabilmente parte del segreto per cui la malattia si manifesta in modo diverso clinicamente. Questa e' la direzione a cui stiamo guardando per poter individuare le persone che sono a maggior rischio in caso di infezione", conclude Piemonti

Commenti
    Tags:
    ospedale sacco







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, tracciamento digitale per riavere diritti sequestrati in lockdown
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
    di Avv. Violante Di Falco *
    Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.