A- A+
Milano
Covid, Gallera sull'inchiesta: "In guerra con scarpe di cartone"

Covid, Gallera sull'inchiesta: "In guerra con scarpe di cartone"

"Ci hanno fatto andare in guerra come gli italiani in Russia, con le scarpe di cartone": l'assessore regionale al Welfare Giulio Galleria ha risposto in questo modo all'ex consigliere regionale azzurro Carlo Saffioti, che gli parlava dei problemi con i dispositivi di sicurezza nella Bergamasca scrivendo che "il territorio è allo stremo. Si è investito tutto sugli ospedali che hanno fatto miracoli ma il territorio è rimasto abbandonato a se stesso".

Gallera: "Si è investito tutto sugli ospedali che hanno fatto miracoli ma il territorio è rimasto abbandonato a se stesso"

Lo scambio, agli atti dell'inchiesta della Procura di Bergamo, è del 24 marzo. "Il problema è l'assoluta insufficienza dei dpi - ha scritto Gallera - Fin da subito non siamo riusciti a distribuire sul territorio mascherine, camici, visiere ecc perché non ce n'erano. Qui pochi che abbiamo vengono giustamente destinati agli ospedali. Questo ha fatto saltare protocolli e servizi che erano attivi e che avrebbero dovuto essere un presidio di sanità. Ci hanno fatto andare in guerra come gli italiani in Russia, con le scarpe di cartone".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
covidgalleraguerrascarpe di cartone







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.