A- A+
Milano
Covid in Tribunale, la Giustizia a Milano rischia la paralisi

Covid in Tribunale, la Giustizia a Milano rischia la paralisi

L'imponente Palazzo di Giustizia di Milano trema. In Procura si puo' parlare gia' da qualche giorno di un focolaio, con due pubblici ministeri positivi e altrettanti in isolamento, tanto che in mattinata il corridoio di quello che e' uno degli uffici giudiziari piu' noti d'Italia e' stato sanificato. Di oggi la notizia della positivita' anche di una giudice mentre sono in crescita i contagi tra i dipendenti. In questo contesto, stando a quanto apprende l'AGI, "i capi degli uffici giudiziari stanno valutando la possibilita' di sospendere in autonomia i processi".

Inoltre, i lavoratori lamentano una scarsa circolazione delle notizie e hanno dato mandato a un legale per preparare un esposto alla Procura di Brescia sulle lacune del sistema informativo. La paura e' quella di ricadere nel clima lugubre della scorsa primavera, quando due lavoratori del Palazzo, il carabiniere Mario Soru, 55 anni, e la funzionaria della giustizia civile Anna Bergamaschi, di 63, persero la vita a causa del Covid. Tanti, una decina, anche i magistrati che l'avevano contratto prima che su disposizione del Ministero della Giustizia venisse rarefatta l'attivita' che muove ogni giorno migliaia di persone nel vasto edificio di epoca fascista.

C'e' qualche toga che parla della possibilita' di chiudere il Palazzo, domandandosi a chi eventualmente spetterebbe la decisione. In teoria, la sicurezza e' in mano alla Procura Generale ma questo e' un caso che va 'oltre', investendo la sfera sanitaria, dunque inedito. Di certo, fanno sapere da via Arenula, non e' competenza del Ministero. Nei giorni scorsi aveva chiuso 'per Covid', una prima volta, una cancelleria civile. ll punto di vista dei dipendenti del Palazzo e' molto severo sulla gestione della comunicazione. "Siamo molto arrabbiati - dice Lino Gallo, rappresentante della sigla FLP - perche' non ci viene data immediata informazione a tutela della salute dei colleghi. L'eta' media e' di 55 anni e ci sono persone fragili, con seri problemi di salute, che vanno tutelati".

Commenti
    Tags:
    covidtribunale milanofocolaio tribunale







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.