A- A+
Milano
Di Pio Albergo Trivulzio, Galli e della colpevolizzazione dei cittadini

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45


di Fabio Massa

Vorrei tornare oggi un attimo sulla questione del Pio Albergo Trivulzio. L'altra sera ho assistito al linciaggio (perché in quattro contro una non è un confronto equilibrato) dell'assessore regionale Terzi a opera di Lilli Gruber. Per carità, ognuno sceglie in quali trasmissioni andare e quali confronti sostenere (se li riesce a sostenere). Non mi esprimo dunque sulla qualità di alcuno degli ospiti intervenuti. Mi piacerebbe molto però - e lo dico come consiglio spassionato - un confronto tra Attilio Fontana e il professor Massimo Galli, e mi piacerebbe che Fontana in questo confronto chiedesse a Galli perché non sta in reparto e viceversa sempre in televisione. Ma vabbè, queste voglie me le caverà il vaccino: se nessuno candiderà Galli a qualcosa, cosa che purtroppo sarà prevedibile come è successo in Puglia con Lopalco, e se Dio vuole il vaccino dovesse funzionare, allora i virologi di tutte le specie spariranno immediatamente dal mondo dei media. Peraltro ormai di Galli so tutto. Ho letto sul Corriere che nel campo del vitello tonnato è un numero uno. Ci credo eh, ma diciamo che inizio ad averne le palle strapiene. Mia idiosincrasia e chiudiamola qui.

Torniamo al Pio Albergo Trivulzio. Durante la trasmissione di cui sopra una ospite di cui non ricordo il nome affermava con molta sicurezza, non smentita dal Galli, che al Pat ancora la Regione mandava i malati di Covid, che c'erano morti a profusione, che avevano infettato tutti. Poi oggi apro il Corriere e che cosa leggo? Titolo: "Il Pio Albergo Trivulzio riapre alle visite dei familiari, test rapido per i visitatori". Non leggo di prese di posizione, di scandalo eccetera. Però per una volta, mettiamoci d'accordo: o al Pat si muore, e allora va tenuto chiuso, chiusissimo. O al Pat è tutto sotto controllo e allora i parenti possono entrare. Non è possibile vivere in questa affermazione contemporanea di una cosa e del suo contrario, in questa vita in cui aprono i negozi e poi ti dicono che non puoi andare a fare shopping perché sennò contagi. O apri, o chiudi. Ma non puoi aprire colpevolizzando quelli che essendo aperti vanno a trovare i parenti al Pat, o a comprare un paio di scarpe. Perché io rispetto le regole, e se le regole sono sbagliate non è certo colpa mia. Area degli allegati

 

Commenti
    Tags:
    di pio albergo trivulziogalli
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Formazione e aggiornamento ICT con WhoTeach, Assintel e Formaterziario
    WhoTeach
    Il Governo Draghi estirpi la mafia una volta per tutte
    Di Ernesto Vergani
    Covid, al cospetto del nuovo ordine mondiale senza libertà e diritti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.