A- A+
Milano
Fase tre, riprendono le attività al Tribunale di Milano
Il tribunale di Milano

Fase tre, riprendono le attività al Tribunale di Milano

Riprendono le attivita' anche al Tribunale di Milano dopo lo stop dovuto alla pandemia di coronavirus, che aveva imposto alla giustizia di trasformarsi, digitalizzandosi.Questa mattina una circolare emanata dal presidente Roberto Bichi, ha messo nero su bianco i criteri per la 'fase 3': bisognera' privilegiare la trattazione di udienze destinate all'audizione delle persone offese da reati; mentre le udienze della sezione gip-gup verranno tenute ordinariamente in presenza, ad eccezione di quelle che sono state gia' fissate in digitale prima del 30 giugno. Nelle aule bisognera' comunque mantenere il distanziamento e la mascherina.

Proprio la sezione gip, che si trova al settimo piano del Palazzo di Giustizia, era stata, peraltro, colpita dell'incendio di marzo, che - scrive il giudice - "ha compromesso in maniera grave la funzionalita' del servizio" che si svolgeva in quegli uffici. Sono andati persi molti documenti dell'archivio e l'attivita' e' rallentata dal fatto che ogni fascicolo recuperato dall'area lambita dalle fiamme, va sanificato (sia per l'eventuale contaminazione da covid, sia da sostanze sprigionate durante il rogo). Un rallentamento che richiedera' almeno un anno per essere colmato. Nel frattempo, pero'. l'area - si precisa nella circolare - e' stata ripristinata almeno nella parte delle aule di udienza piu' grandi, che permetteranno quindi il distanziamento e la ripresa delle udienze; si procedera' per turni, tutti i giorni della settimana, anche al pomeriggio

. Bisognera' evitare la congestione, quindi sara' importante che le udienze siano "calendarizzate con orari di inizio differenziato, in modo tale che il singolo processo possa essere esaurito prima dell'effettiva trattazione dell'altro".Il provvedimento preso dal presidente della Cittadella giudiziaria milanese richiama il decreto legge del 25 giugno in cui si e' anticipata la riapertura dei tribunali rispetto al 31 luglio, inizialmente previsto come fine della 'fase 3', "per impedire il protrarsi di una sospensione dell'attivita' giudiziaria" e anche l'opzione del "lavoro agile", nella Giustizia "e' condizionata dalla disponibilita' di efficaci strumenti informatici e dal fatto che il personale non ha accesso ai registri di cognizione civile e penale". Quanto alle direttissime, anche queste riprenderanno effettivamente da oggi. Secondo quanto si legge in una circolare a firma del presidente delegato Marco Tremolada, il pm dovra' presentare gli arrestati direttamente in udienza nel rispetto di tre fasce orarie, per evitare assembramenti in cancelleria: tenuto conto del fatto che ogni giorno sono disponibili tre aule, il pm dovra' presentare 6 arrestati entro le 10, 6 entro le 11 nel 6 entro le 12. Anche in questo caso sara' il giudice della direttissima a verificare il rispetto del protocollo sanitario, pure durante colloqui preliminari con il difensore.

Commenti
    Tags:
    fase tretribunale milano







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.