A- A+
Milano
Folla all'ufficio immigrazione, lancio di lacrimogeni

Folla all'ufficio immigrazione, lancio di lacrimogeni

Lancio di lacrimogeni a mano, per disperdere un gruppo di "facinorosi" che, dalle 6 del mattino, si era radunato davanti alla Caserta Annarumma di via Cagni, a Milano, per presentare le istanze di protezione internazionale. Durante la notte - informa una nota della Questura - si sono radunate diverse centinaia di persone, almeno 700. La situazione è stata attentamente monitorata, peraltro sin dal pomeriggio dello scorso venerdì, quando si erano registrati i primi arrivi, attraverso servizi di ordine pubblico opportunamente predisposti, che hanno tenuto a debita distanza dalla struttura i cittadini extracomunitari divenuti via via sempre più numerosi.

I lacrimogeni hanno consentito di disperdere subito i facinorosi e di poter poi avviare regolarmente le operazioni di accesso

Stamattina, intorno alle 6.00, un gruppo consistente, composto prevalentemente da cittadini egiziani, con l’intento di guadagnare le prime posizioni nella fila, si è mosso in maniera "repentina e compatta" in direzione della porta di accesso, richiedendo un intervento deciso delle forze dell'ordine, che, attesi i numeri dei presenti, per evitare contatti diretti che avrebbero potuto compromettere la sicurezza anche di soggetti estranei a questa azione proditoria, ha dovuto far ricorso al lancio di lacrimogeni a mano, che, effettivamente, ha consentito di disperdere subito i facinorosi e di poter poi avviare regolarmente le operazioni di accesso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lacrimogenimilanoufficio immigrazione







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.