A- A+
Milano
Garlasco: Stasi 'cerca' lavoro fuori dal carcere 14 anni dopo il delitto

Garlasco: Stasi 'cerca' lavoro fuori dal carcere 14 anni dopo il delitto

Quattordici anni dopo quel 13 agosto in cui uccise - questo dice la verita' giudiziaria - la sua fidanzata Chiara Poggi a Garlasco, per Alberto Stasi e' arrivato il tempo di ricominciare un pezzo di vita fuori dal carcere di Bollate in cui e' recluso dal 12 dicembre 2015. "I tempi sono maturi per la richiesta di lavoro all'esterno - spiega all'AGI l'avvocato Laura Panciroli - e' nei termini di legge per essere ammesso, ovviamente dopo la necessaria valutazione del Tribunale della Sorveglianza. Ci stiamo attivando su questo, anche se non e' facile trovare una soluzione con le caratteristiche giuste. Ci vuole un datore di lavoro motivato vista l'attenzione mediatica su questa vicenda. Una soluzione che sia rispettosa per lui e per chi lavorerebbe con lui". 

Nel frattempo, Stasi sta scontando i suoi 16 anni di carcere frutto di un iter processuale molto tortuoso, passato anche per due assoluzioni, con un atteggiamento che la sua legale definisce "equilibrato e razionale". "Un modo di affrontare le cose che lo aiuta - e' la considerazione di Panciroli che ha firmato l'ultima richiesta di revisione bocciata dalla Cassazione nel marzo scorso - basato sull''oggi faccio questo, domani quest'altro', senza pensare agli anni che mancano per la liberta'". Stasi, che ha 38 anni, ha maturato una grande competenza giuridica in questi anni. Sin dall'inizio dell'indagine, passava ore coi suoi legali a studiare le strategie di difesa.

"Ora utilizza queste sue conoscenze prodigandosi per essere utile a chi in carcere ha meno strumenti di lui, dando consigli o aiutandoli a scrivere le istanze", prosegue Panciroli che ne ha assunto la difesa solo di recente succedendo al professor Angelo Giarda. Al momento, dopo il no della Cassazione alla riapertura del caso, la legale spiega che non sono previsti altri passaggi, come potrebbe essere la Corte europea. Per la famiglia di Chiara Poggi il 13 agosto e' il giorno in cui ancora di piu', se possibile, si fa intenso il dolore per la perdita della ragazza di 26 anni laureata a pieni voti in Economia, una "ragazza senza nuvole", cosi' la defini' uno dei primi testimoni ascoltati all'epoca. Per la mamma, il papa' e il fratello di Chiara non ci sono dubbi che il colpevole sia Alberto Stasi, il bocconiano a cui era legata da 4 anni che la uccise con un'arma mai trovata e un movente rimasto oscuro nella villetta dove ancora vivono. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    garlascoalberto stasi






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.