A- A+
Milano
Giunta Milano, ecco i papabili. Oggi pomeriggio le trattative
Giuseppe Sala

Giunta Milano, ecco i papabili. Oggi pomeriggio le trattative

di Fabio Massa

Visto che il sindaco ha vinto a valanga, adesso è tempo di tornare indietro alla frase "è la giunta che conta". Perché davvero è la giunta che conta, ora, come decisione politica. E le previsioni si sprecano. Beppe Sala sceglie la linea della continuità con Anna Scavuzzo, forte del fatto di essere seconda degli eletti, che fa passare in secondo piano gli enormi errori commessi durante la pandemia e l'ultima fase della campagna elettorale (che fecero molto arrabbiare la comunità Lgbt della zona del Lazzaretto).

Il tema è sempre quello di Pierfrancesco Maran. E' il primo degli eletti, di tutti gli eletti di tutti i partiti. A domanda di Affari Sala risponde dicendo che vuole farlo crescere come Pierfrancesco Majorino (che però è cresciuto andando all'europarlamento, con l'aiuto di Sala, e oggi non ci sono votazioni in vista a breve). Quindi i rumors raccontano di una proposta che il sindaco Sala avanzerà con tutta probabilità nel pomeriggio alla segreteria Pd per Maran presidente del consiglio. Una proposta che però verrà rimandata al mittente, e a quel punto bisognerà tornare a ragionare su una delega - seppur in discontinuità con quelle precedenti - oppure su un altro ruolo terzo che per adesso non è individuato, stante il fatto che il sindaco riconfermato ha anche chiuso la strada che porta alle Olimpiadi 2016 ("non mi pare serva niente su quell'argomento").

Nel totonomi entra ovviamente Lamberto Bertolè, che potrebbe andare al posto di Filippo del Corno alla cultura, se dovesse vincere il derby potenziale con Massimiliano Tarantino, direttore generale di Feltrinelli, che Sala conosce bene per motivi personali. Poi c'è Gaia Romani, quarta degli eletti: per lei potrebbe aprirsi la strada a un assessorato non impegnativo da un punto di vista amministrativo ma formativo da un punto di vista politico.

Poi c'è la lista Sala. Pare abbastanza scontato che in giunta entri Emmanuel Conte al posto di Roberto Tasca al Bilancio, e Martina Riva in un altro assessorato di peso. I Riformisti vorrebbero Giulia Pastorella in giunta, visto l'ottimo risultato e visto che Lisa Noja difficilmente lascerà il posto da parlamentare. Discorso aperto anche su Alessia Cappello, che non ha corso alle elezioni ma che viene assai stimata dal sindaco.

Chiudono il quadro i tecnici, che sarebbero fedelissimi di Sala ma anche di area Pd. Il sindaco vuole andare veloce "finché non è tutto sistemato non posso riposarmi, e ho voglia di riposarmi", ha detto. Da oggi pomeriggio iniziano le trattative.

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    giunta milanomilanoelezionivotovittoria milanogiuseppe salagiunta






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.