A- A+
Milano
Incendiano una pasticceria, 5 arresti tra baby gang

Incendiano una pasticceria, 5 arresti tra baby gang

Una pasticceria di Milano data alla fiamme da una gang di 5 giovani, tutti italiani fra i 18 e i 20 anni, che stavano programmando un altro raid identico. I carabinieri di Milano hanno eseguito questa mattina all'alba un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nelle provincie di Milano e Agrigento a carico dei 5 giovani che sono indagati dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano per incendio e danneggiamento aggravato in concorso.

Ad essere incendiata la notte del 19 ottobre una pasticceria in zona piazza Piola

Ad essere incendiata la notte del 19 ottobre una pasticceria in zona piazza Piola - già danneggiata in altri due episodi simili nei mesi precedenti - dove all'interno lavorava anche uno dei ragazzi arrestati. Le indagini dei militari del Nucleo investigativo di Milano, svolte anche attraverso lo studio dei social network, hanno accertato come quella notte, all'1.30, i 5 indagati abbiano versato all'interno del locale una grande quantità di combustibile dopo aver tagliato la saracinesca con un flessibile e infine appiccato l'incendio prima di fuggire a bordo di un auto a noleggio

Iscriviti alla newsletter
Tags:
arrestibaby gangpasticceria






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.