A- A+
Milano
Inchiesta Covid, l’avvocato di Fontana: “I giudici entrano nella vita civile"
Attilio Fontana

Inchiesta Covid, l’avvocato di Fontana: “I giudici entrano nella vita civile"

A seguito di alcune dichiarazioni del procuratore di Bergamo Antonio Chiappani, che coordina l'inchiesta appena chiusa sul Covid, "il primo commento che viene alla mente" è che "ancora una volta esse manifestano la vocazione dei magistrati alla supplenza nei diversi campi del vivere civile". Lo spiega in un testo di "riflessioni", come le chiama, l'avvocato Jacopo Pensa, legale del presidente della Lombardia Attilio Fontana, tra i 19 indagati.

Il legale: “Il ruolo della magistratura non è quello di farci riflettere sui fenomeni”

 Il legale chiarisce che Chiappani, in un collegamento con una trasmissione, oggi ha affermato che dal procedimento si potrà ricavare una "esperienza non solo di carattere giudiziario, ma anche scientifico e amministrativo". E Pensa la vede così: "Non solo, dunque, la più volte contestata e denunciata supplenza politica, alla quale siamo da tempo quasi assuefatti; ora si aggiunge, secondo il Procuratore di Bergamo, la supplenza 'filosofica', con quell'invito alla riflessione, e quella 'scientifica' legata, immaginiamo, alla relazione finale del Professore e Senatore Crisanti". Fin "dai banchi dell'università", prosegue l'avvocato, "ci hanno insegnato che il ruolo della magistratura è quello di accertare la commissione dei reati e di giudicare le condotte degli uomini". Non è quello di "farci riflettere sui fenomeni e sugli eventi che accadono nel mondo, né è quello di collaborare con la scienza offrendole un contributo qualificato". Quelle dichiarazioni, spiega ancora Pensa, svelano "ancora una volta quella tendenza all'ingerenza in mondi altrui che continua ad essere un punto debole della magistratura".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attilio fontanagiuidiciinchiesta covidvita civile







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.