A- A+
Milano
L'effetto a lungo termine dell'inchiesta Covid è l'immobilismo. Commento
Covid a Bergamo

L'effetto a lungo termine dell'inchiesta Covid è l'immobilismo

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), ALLE 19,15 E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6,45

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C'è un effetto a lungo termine dell'inchiesta Covid che ogni giorno affolla le pagine dei giornali con tutti ma proprio tutti gli atti (a proposito: ma dove è finito il bavaglio tanto temuto della riforma Cartabia? Acqua fresca...). E' l'effetto più dannoso, che è quello che permane quando si abbassa il polverone. Tra un paio di settimane di quest'inchiesta non rimarrà nulla, come al solito. Tutti i messaggi, i whatsapp decontestualizzati, gli emoticon non trascritti, tutto quanto finirà sui giornali e poi dritto nel dimenticatoio. L'inchiesta passerà alle forche caudine di un rinvio a giudizio e poi, se del caso, di un processo. Ciao còre.

La lezione dell'inchiesta Covid? Meglio non fare nulla per evitare rogne

Intanto però le conseguenze pratiche di questa inchiesta saranno devastanti, sul lungo periodo. Perché a tutti quelli coinvolti (e non parliamo solo degli indagati, ma di tutti) l'inchiesta sta dando una grandissima lezione: l'importante è non fare niente. Zero. Nisba. Perché se appena si fa qualcosa, che sia come fa l'ex dg Luigi Cajazzo di provare a sbloccare mascherine incagliate nella dogana, o che sia quel che fanno tutti gli altri, ovvero lottare contro la pandemia nella confusione estrema che regnava in quelle settimane, si finisce nei guai. E allora, per la prossima pandemia, per la prossima emergenza, l'effetto è che tutti proveranno a pararsi il sedere. E non si manderanno manco più i whatsapp. Solo appuntamenti in presenza, lenti, lunghi, compassati. Altro che decisioni in velocità. Riunioni in presenza e senza cellulari. Sia mai che dopo arrivino un gruppo di pm a fare le pulci.

Covid e bambini, faceva bene Gallera a incazzarsi

Addirittura quello che sta uscendo che pare - dai titoli - gravissimo, ha delle ragioni ragionevolissime. Per esempio Giulio Gallera che si infuria perché è stata data da un ospedale la notizia di un bimbo ricoverato per Covid. Io me lo ricordo quel periodo. Noi genitori eravamo preoccupati più che per noi stessi, per i bambini. E in tutto il mondo il problema era questo: i figli possono ammalarsi gravemente? Possono morire? Quella notizia, frutto di un protagonismo di un ospedale, mandava nel panico e nella psicosi ulteriore milioni di genitori, che si sarebbero ulteriormente agitati e avrebbero intasato ulteriormente il sistema sanitario anche quando i figli non avevano niente. E infatti quel maledetto virus, almeno i piccoli, li ha largamente risparmiati. E allora faceva bene a incazzarsi Gallera. La prossima volta, un suo successore, se ne fregherà altamente. Volete la psicosi, l'assalto ai pediatri eccetera? Fatelo. L'importante è che dalle chat non venga fuori un problema per me.

Covid e scudo penale: il contrappasso di Conte

Chiudo con una questione legata al Movimento 5 Stelle e Giuseppe Conte. Durante la prima fase della pandemia si era ipotizzato uno scudo penale non solo per i medici, come è stato fatto, ma anche per gli amministratori. Dissero di no, si opposero. E perché si opposero? Perché pensavano che con gli scandali avrebbero potuto abbattere Regione Lombardia. E' finita che il governatore Attilio Fontana è stato rieletto a furor di popolo e Giuseppe Conte è finito indagato nella stessa inchiesta che avrebbe dovuto abbattere la maggioranza di centrodestra. Come è strano il destino, un po' cinico, un po' baro, a volte molto onesto.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gallerainchiesta covid







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.