A- A+
Milano
Libreria di Altaforte a Cernusco: "Cori squadristi e saluti romani"
(foto di Martesana Libera)

Libreria di Altaforte a Cernusco: "Cori squadristi e saluti romani"

Massimo De Rosa (M5S Lombardia) e Lorella Villa, consigliera comunale M5S Cernusco sul Naviglio commentano sul nuovo “avamposto” di Altaforte, la casa editrice, vicina agli ambienti di CasaPound, che ha aperto una libreria.

De Rosa, capogruppo M5S Lombardia: “Con la scusa di aprire la libreria Altaforte a Cernusco sul Naviglio, i fascisti di CasaPound da giorni stanno provocando i cittadini con cori squadristi e saluti romani (per altro in barba ai divieti sull’assembramento). Oltre ad essere anticostituzionale ci aspettiamo che la Regione e il Comune di Cernusco sul Naviglio intervengano prontamente per ripristinare l’ordine e chiediamo anche al consigliere della Lega Max Bastoni cosa ci facesse lo scorso 5 dicembre all’inaugurazione della libreria col già pregiudicato Francesco Polacchi proprietario della libreria e dell’omonima casa editrice nonché dirigente di Casapound. Per quanto è ancora tollerabile che la Lega sostenga e alimenti una forza politica antidemocratica e illegale?Ieri sera  il Consiglio Comunale di Cernusco sul Naviglio ha votato all’unanimità (la Lega non ha partecipato al voto) un ordine del giorno dal titolo: "Insediamento in città e nella Martesana di forze politiche che si rifanno espressamente al fascismo”, ribadendo, insieme ad ANPI Cernuscos/N sez. Riboldi-Mattavelli, che si impegneranno ancora di più  nelle attività culturali e politiche, in sinergia con le forze democratiche della città di Cernusco, con le istituzioni, i partiti, le numerose associazioni, le organizzazioni e i singoli cittadini che hanno a cuore i valori dell’antifascismo"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    libreria altafortecernusco






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.