A- A+
Milano
Lombardia, Sgarbi lascia il consiglio regionale: "Fossi stato assessore..."
Vittorio Sgarbi

Lombardia, Sgarbi lascia il consiglio regionale: "Fossi stato nominato  assessore..."

Vittorio Sgarbi è ufficialmente decaduto dal ruolo di consigliere regionale lombardo per incompatibilità con altre cariche, ed in particolare con il suo ruolo di sottosegretario ai Beni culturali:  "In altri casi non mi sono presentato personalmente, qui devo dire che per qualche tempo, essendo molto importante la Lombardia, ho pensato che forse il ruolo di assessore in Regione Lombardia è non meno significativo e intensivamente utile che quello di sottosegretario ai Beni Culturali".

Sgarbi: "Penso con nostalgia a questo consiglio regionale"

Sgarbi ha aggiunto: "Una volta che sono rimasto consigliere, dopo due settimane ho pensato che sarebbe stato inevitabile che io rimanessi al governo. Però ho pensato con un po' di nostalgia al fatto che me ne andavo da un consiglio di questa importanza, e quindi c'erano varie ragioni che mi legavano ai miei anni in Lombardia".

 

Sgarbi: "Mancata risposta alle comunicazioni ufficiali? Non le ho ricevute"

Rispondendo alla polemica sollevata da Luca Ferrazzi, presidente della Giunta delle Elezioni di Regioni Lombardia, in merito ad una sua mancata risposta alle comunicazioni ufficiali, spiega di non aver ricevuto quelle email, allontanando così le accuse di maleducazione: "non ho ricevuto nessuna richiesta, mi sembrava che dire una parola fosse testimoniare comunque una valutazione che poi è finita con la mia incompatibilità per mia volontà".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lombardiasgarbi







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.