A- A+
Milano
Mafia, corteo a Milano. Sala: "La battaglia non è finita"
Mafia: corteo a Milano

Mafia, corteo a Milano. Sala: "La battaglia non è finita"

"La battaglia contro la mafia non è finita e Milano è al centro di interessi economici: questo è un bene ma attira molti che hanno intenzioni criminali. Gli anticorpi che ci siamo fatti in questi anni, anche con errori e incertezze, ci aiuteranno". Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala che questa mattina ha portato un saluto al corteo partito da Porta Venezia in occasione della 28esima Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafie. "Ricorre quest'anno il decimo anniversario delle esequie di Lea Garofalo e il trentesimo della Strage di via Palestro, fatti importantissimi per la città e per questo abbiamo tante ragioni per essere in tanti qui ora in piazza", ha aggiunto Sala.

Mafia, il corteo organizzato da Libera e Avviso Pubblico

Il corteo, organizzato da Libera e Avviso Pubblico e al quale partecipano oltre 500 parenti delle vittime della Mafia, sfilerà sino a piazza Duomo dove poi saranno letti i nomi dei morti innocenti di Mafia e anche del naufragio di Cutro. In Duomo anche la segretaria nazionale del Pd Elly Schlein e al corteo, aperto con uno striscione con la scritta 'E' possibile', presenti il leader della Cgil Maurizio Landini e il fondatore di Libera don Luigi Ciotti.

Corteo, il saluto di Schlein ai parenti delle vittime di mafia

Durante il corteo  la segretaria del Pd Elly Schlein ha salutato i parenti delle vittime. In particolare ha scambiato qualche parola con Stefania Grasso e Deborah Cartisano, parenti di vittime della 'ndrangheta. Loro le hanno raccontato la loro storia. Il padre di una delle due era militante del Pci, "mi ha cresciuta con ideali che spero di ritrovare insieme a lei", ha detto una di loro. La segretaria del Pd ha risposto: "grazie ce la metteremo tutta". Un'altra parente ha ringraziato Schlein per la sua presenza al corteo dove partecipano tanti cittadini. "È la cosa più preziosa, è un appuntamento a cui tengo molto - ha concluso Schlein -. Buon 21 marzo, ci vediamo presto".

Mafia, Schlein: "Non si combatte alzando il tetto del contante"

"Sappiamo che in momenti di difficoltà economica gli strumenti che ci diamo per contrastare l'infiltrazione delle mafie nell'economia legale devono essere ulteriormente rafforzati. E purtroppo non stiamo vedendo questo. Non si fa alzando il tetto del contante, non si fa agendo per indebolire le tutele della legalità nel codice degli appalti. Lo si fa con una grande operazione di maggiore trasparenza e controllo, di maggiore formazione, fin dalle scuole e dentro le pubbliche amministrazioni, con una battaglia che è anche culturale". Lo ha detto la segretaria del Pd, Elly Schlein, a margine della manifestazione

Mafia, don Ciotti: "Peste da eliminare alla radice"

"Finche' non ci sara' una presa di coscienza collettiva delle ricadute della peste mafiosa sulle vite di tutti la lotta alle mafie non riuscira' a estirpare il male alla radice. Dobbiamo andare alla radice del male, la radice e' culturale, sociale, etica. Dobbiamo Andare alla radice per evitare la normalizzazione". Cosi' don Luigi Ciotti iniziando a parlare in piazza Duomo a Milano

Iscriviti alla newsletter
Tags:
corteomafiamilanosala

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.