A- A+
Milano
Maran, scuse a commercianti multati. Pronti a aiutare bar e ristoranti
Pierfrancesco Maran

Maran, scuse a commercianti multati. Pronti a aiutare bar e ristoranti

"Qualche giorno fa ho usato una frase infelice e me ne scuso sulla manifestazione dei commercianti", ma "le multe non le ha fatte il Comune, il Sindaco si è attivato con Prefettura e speriamo vengano tolte", queste le parole dell'assessore all'Urbanistica, Pierfrancesco Maran, in una diretta su Facebook. Maran si è scusato per aver detto che "la legge è uguale per tutti", quando i commercianti sono stati multati durante la manifestazione all'Arco della Pace. Tuttavia, ha aggiunto Maran "gli assembramenti vanno evitati, tutti, in questa fase e soprattutto ai Navigli dove ci sarà un grande spiegamento di forze. Siamo in una situazione molto critica, viviamo in una Regione che non fa tamponi, dobbiamo evitare a tutti i costi un secondo lockdown e quindi dobbiamo rispettare la regola del distanziamento."

Le date di riapertura di bar e ristoranti "le decide lo Stato ma bisogna essere pronti ed aiutare a gestire la riduzione di capienza interna. Abbiamo quindi preparato un piano che consente di incrementare facilmente i tavolini esterni", spiega Maran sulla delibera approvata oggi dalla Giunta di Milano. L'idea è anche quella di "far rivivere i quartieri, valorizzando i locali presenti". Bar e ristoranti a Milano "non pagheranno l'occupazione del suolo pubblico per tavolini, ombrelloni, la pedana se serve, tutte le strutture mobili leggere. Il Comune si impegna ad autorizzare poi la posa dei tavolini entro 15 giorni dalla domanda, questo taglia di molto i tempi, oggi di media ci vogliono due mesi quando si e' fortunati". "I tavolini oggi si possono mettere solo davanti al proprio bar e ristorante, ma potranno stare anche togliendo i posteggi davanti, si potra' andare anche un po' piu' distante. Se il vicino di attivita' non e' contrario si possono mettere li'. Se c'e' uno spiazzo pedonale o una piazza si possono mettere li', o un giardino - ha aggiunto Maran -. Se c'e' da chiudere una strada a una certa ora perche' la sera bisogna mettere piu' tavolini si puo' fare. Tutto questo sospendendo per quest'estate tutta una serie di regolamenti che impedivano di fare cose in 15 giorni". 

"I lavori per la riqualificazione dello scalo di Porta Romana - spiega Maran - vanno avanti, mentre sul nuovo stadio stiamo discutendo con le squadre". A Porta Romana è stata aperta la gara per trovare lo sviluppatore per costruire il villaggio olimpico di #MilanoCortina2026 e un parco: "abbiamo accumulato un ritardo di 3 mesi a causa del Covid, ora contiamo di chiudere l'assegnazione a settembre", ha spiegato Maran. L'assessore ha poi parlato del progetto per il nuovo stadio che Inter e dal Milan hanno confermato di voler portare avanti. "Stiamo discutendo con le squadre che non hanno dato alcuna disponibilità a un piano di rifunzionalizzazione del Meazza. Vogliono costruire un nuovo stadio, ma devono restare a San Siro perché abbiamo realizzato tutte le infrastrutture e perché resterebbe da gestire il Meazza di cui verrà conservata gran parte della struttura".

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    maranfase 2 milanopierfrancesco maran






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
    Angelo Andriulo
    Porto di Trieste, sgombero con gli idranti: il "potere" che spegne la rivolta
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Meglio praticare sport o fare una dieta?
    Anna Capuano


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.