A- A+
Milano
Mascherine non a norma e in ritardo. Lo scandalo della Protezione Civile
mascherine caparini protezione civile

di Fabio Massa
Esiste una decenza. Mentre gli italiani, emozionalmente, si uniscono a cantare e ballare e battere le mani ai balconi, succede che la Regione Lombardia si trova a fare i conti con l'insipienza della Protezione Civile. Aridatece Bertolaso? Forse no, anche perché di gente che cammina sulle acque non ce ne è oggi e non ce n'è stata ieri, con una eccezione. Però, come dicevo, c'è un limite alla decenza. Questi i fatti. Enrico Pazzali e Fondazione Fiera, insieme a Fabrizio Curci che di Fiera Spa è l'amministratore delegato decidono di mettere a disposizione i padiglioni vuoti, visto che di manifestazioni non ce ne sono, per farne reparti di terapia intensiva o comunque per aiutare la sanità lombarda che cerca letti disperatamente. Tanto disperatamente che Giulio Gallera sottolineava l'altro giorno in televisione che era pronto ad occupare anche gli sgabuzzini e gli scantinati, pur di salvare più vite possibile. Figurarsi allora i grandi stand dell'orgoglio di Milano. Si potevano riconvertire. Iniziano le ricognizioni, gli studi, i lavori preparatori. Peccato che oggi Attilio Fontana abbia dovuto sottolineare, con una certa rabbia - sentimento che per lui è praticamente sconosciuto - che la Protezione Civile non è pronta, e che dunque non se ne fa niente. Intanto, la gente muore perché non arriva a un letto in tempo. Questo è il fatto e con questo bisogna fare i conti. Ma non è finita. Perché in serata Davide Caparini, l'assessore al Bilancio che è molto di più (testa pensante, uomo d'ordine e organizzatore in questi momenti, giorni, settimane di crisi), sbotta anche peggio di Attilio Fontana, ed esce dal suo consueto understatement. Mostra delle foto sul suo profilo Facebook. Sono impressionanti. Sono le foto delle mascherine che dovrebbero impedire il contagio ai medici e agli infermieri eroici dei nostri ospedali. Bene, guardatela: è vergognosa. Semplicemente. Caparini è durissimo: "LA PROTEZIONE CIVILE invia queste mascherine alla Regione Lombardia da destinare ai medici e paramedici impegnati nella guerra al coronavirus. Il peggior materiale possibile, non nello standard previsto nei casi di pandemia. In ritardo di settimane e per di più non a norma... E intanto le persone si ammalano e muoiono!". Ecco, guardate bene questa foto. Questo pezzo di carta igienica. Questa vergogna. E adesso capite perché l'autonomia è qualcosa che potrebbe salvarci davvero la vita, o quantomeno impedire che se ne perdano ancora.        

fabio.massa@affaritaliani.it

Loading...
Commenti
    Tags:
    mascherinecaparini coronaviruscoronavirus mascherine regionemascherine regione coronavirusprotezione civile









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Coronavirus, lo speaker Luca Viscardi in Corsia fa una sorpresa a tutti
    Di Francesco Fredella
    Ginnastica casalinga in un metro quadro: piegamenti o flessioni
    Alessandro Gubbini
    Quel “Sottile” rumors, Coletta mette in Salvo La vita in diretta estate?
    Di Francesco Fredella


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.