A- A+
Milano
Medico ucciso a Milano, la pista dei paradisi fiscali a Malta
Stefano Ansaldi

Medico ucciso a Milano, la pista dei paradisi fiscali a Malta

Si infittisce il giallo della morte del medico napoletano Stefano Ansaldi, ucciso con una coltellata alla gola a Milano, in zona Stazione Centrale, alle 18 di sabato. E, come raccontato già ieri da Affaritaliani.it Milano, prendono quota altre piste diverse da quelle di una rapina finita male. Fanno oggi il punto sulle indagini Gianni Santucci ed Andrea Galli sul Corriere, che rivelano un legame tra il professionista e l'inchiesta "Paradise papers" su investimenti offshore condotta dal quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung. Il ginecologo aveva infatti denunciato un anno fa la scomparsa di un assegno in bianco da lui firmato e che era destinato ad una società di Malta inserita proprio nell'elenco dei "Paradise papers". " Il fatto che Ansaldi abbia ammesso un probabile giro di soldi in nero con quella denuncia, trova forse risposta nella volontà di dimostrare a interlocutori e soci che lui l’assegno l’aveva comunque pronto, come da accordi, se non già consegnato a un mediatore", argomenta il quotidiano di via Solferino.

Altre anomalie sono riscontrabili attorno agli ultimi spostamenti di Ansaldi, che era salito a Milano in tutta fretta ma senza procurarsi un biglietto di ritorno né prenotare un hotel. Con sè solo una 24 ore vuota. Sul marciapiede, un Rolex trovato chiuso, come se il dottore se lo fosse sfilato e lo stesse consegnando al suo interlocutore. Scomparso invece il cellulare, che aveva agganciato molte utenze straniere nell'ultimo periodo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    stefano ansaldimedico uccisostazione centrale






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Zaino sospeso: l'iniziativa continua
    Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.