A- A+
The Milan Show-Biz
Moda, la sfida globale sostenibile di Tombolini
Silvio Calvigioni Tombolini

Moda, la sfida globale sostenibile di Tombolini

Intervista esclusiva di Affaritaliani.it Milano a Silvio Calvigioni Tombolini, Direttore Marketing e Commerciale della storica azienda marchigiana di moda

Silvio Calvigioni Tombolini, che cosa significa fare impresa in un momento così delicato a livello internazionale?

Negli ultimi anni abbiamo dovuto affrontare diverse problematiche a livello internazionale e proprio per essere più competitivi al di fuori dei confini nazionali, abbiamo riorganizzato e rinnovato la nostra azienda sotto ogni punto di vista. Questo è sicuramente un momento delicato ma affrontiamo le sfide per il futuro con grande coraggio e spirito d’impresa, facendo molta ricerca, innovando il nostro prodotto e modernizzando la nostra struttura produttiva per renderla sempre più competitiva ed ecosostenibile.

Per quanto riguarda la parte prodotto, le nostre collezioni sono state “contaminate” dall’arricchimento con modelli dall’approccio più sportswear che abbiamo riletto utilizzando, per la loro creazione, tessuti appartenenti all’ alta tradizione sartoriale. Inoltre abbiamo intercettato i desideri dei nostri clienti – e ovviamente del consumatore finale - implementando i servizi aziendali per essere veloci e dinamici nel rispondere alle richieste, in particolare con la nostra collezione Tombolini- Zero Gravity e TMB Running.

Stiamo poi portando avanti una strategia retail mirata all’internazionalizzazione che prevede l’apertura di boutique worldwide: dopo quelle appena inaugurate a Doha in Qatar, ad Almaty in Kazakistan, ci concentreremo su mercati degli Stati Uniti, del Canada, dell’Asia e del Medio Oriente, oltre naturalmente al mercato europeo.

Siamo pronti ad affrontare le sfide che ci attendono per il nostro futuro insieme alle nostre maestranze e ai nostri valori.

Quali le direttrici del vostro business?

Le nostre linee guida sono i nostri valori che da sempre caratterizzano noi e la nostra storia, a partire dal territorio.  Per noi è molto importante mantenere il profondo legame con la nostra terra, avvalendoci anche di una manodopera presente in loco altamente qualificata. Del resto, il rapporto con il territorio è sempre stato determinante tanto quanto quello con le persone nella storia di Tombolini. Da qui deriva la naturale propensione a uno sviluppo dell’azienda nel rispetto dell’ambiente e della regione, le Marche in cui è inserita, che è iniziato già da tempo, e vogliamo esportare in tutto il mondo il nostro know how tipicamente italiano di cui siamo fieri ambasciatori.

Le Marche rappresentano, a mio avviso, un concentrato dell’essenza dell’Italia tra presente, passato e futuro perchè, come amava ripetere mio nonno più di 50 anni fa, “Il futuro ha radici antiche”. Un credo oltre che una necessità per noi che, nella nostra storia sessantennale, abbiamo continuato a scommettere sull’artigianalità, sul Made in Italy, sulla transizione sostenibile e sulla continua ricerca e innovazione. Basti pensare al progetto in programma della Fondazione Eugenio Tombolini con l’obiettivo di creare una sinergia tra scuole del territorio e industria che permette di trasportare il nostro savoir faire alle nuove generazioni e, quindi, nel domani.

La ricerca e lo sviluppo sono appunto le leve della vostra crescita…

Esattamente perché noi crediamo nei nostri valori, in azienda puntiamo sulla ricerca e sullo sviluppo per creare capi sempre più contemporanei e innovativi. Da sempre, infatti, il nostro dna sartoriale si incontra con le più avanzate tecnologie per realizzare collezioni high tech come la Zero Gravity e la collezione più sportiva TMB Running con modelli all'avanguardia e comodi da indossare. Nel nostro forte legame con il territorio e con le persone che lo abitano si esprime al meglio la tradizione e la sartorialità dell’industria manufatturiera italiana che ha nello studio del prodotto e nella ricerca a questo sotteso l’essenza del suo stile.   Puntiamo sulla qualità e sull’ innovazione e investiamo molto in tecnologia e in ricerca anche e soprattutto per soddisfare al meglio le richieste dei nostri clienti.

Come riunire storia e innovazione?

Il futuro ha radici antiche: basterebbero le parole di Eugenio Tombolini, fondatore dell’azienda nel 1964, a riassumere la storia ricca e, al contempo, proiettata nel domani del nostro marchio in cui la passione e l’entusiasmo dell’inizio sono ancora presenti. Cuore, passione, eccellenza manifatturiera ed esclusivo Made in Italy sono la chiave di lettura della filosofia di un’azienda che, forte di 60 anni di tradizione, ha saputo interpretare al meglio lo stile dell’uomo contemporaneo, dando vita a un lusso pregiato fatto di unicità, cura del dettaglio e uso di materiali pregiati e performanti. Il segreto è tutto in un savoir faire che, fondendo innovazione tecnologica e know how storico, crea collezioni caratterizzate da una forte creatività e dall’estetica impeccabile che rende l’idea stessa del vestire un’arte

Quali sono i mercati di riferimento e come mai tra di essi il Medio Oriente?

Tra i nostri mercati di riferimento sicuramente quello nazionale, che incide su circa il 20% del fatturato, in cui recentemente abbiamo aperto due pop up dedicati in Rinascente, a Roma e a Torino. Un altro mercato in crescita è quello tedesco e quello del Nord Europa che ci sta dando molte soddisfazioni. Poi stiamo consolidando altri Paesi quali il Canada, gli Stati Uniti, il Medio Oriente ed est Europa dove abbiamo una forte presenza.

Ci stiamo preparando a nuove tappe retail: dopo le recenti aperture dei negozi in Qatar, a Doha dove i prodotti made in Italy sono molto apprezzati, e in Kazakistan, ad Almaty, poi sarà la volta di Mosca. Potenziali opening sono inoltre previsti nell’area asiatica e nel Middle East per l’anno in corso. La ragione del successo in Medio Oriente è tutta da ricercare nell’essenza delle nostre collezioni in cui i clienti ritrovano quel gusto tutto italiano, sartoriale e mirato all’eccellenza, che amano e apprezzano più di ogni altro.

In conclusione, gli store andranno a rafforzare il nostro network attualmente attivo di 10 monomarca e 400 doors multibrand nel mondo.

Che uomo interpreta Tombolini?

L’impegno dell’azienda si riflette nelle nostre collezioni create per un uomo contemporaneo che apprezza l’eleganza senza tempo e tutti quegli aspetti che impreziosiscono la nostra estetica e che uniscono gusto estetico, design e ricerca. I nostri modelli riflettono una cultura dello stile tipicamente italiano, in cui le texture di pregio e le finiture impeccabili sono accompagnate da una costante attenzione per la tendenza graffiata dall’animo classico.

I nostri valori di artigianalità, di ecosostenibilità, di pregiatezza dei tessuti creano le basi del guardaroba di lusso contemporaneo in cui ogni capo diventa un must have capace di farsi interprete dei desiderata del consumatore di oggi. La nostra ispirazione è sempre quella di mettere al servizio di uno stile contemporaneo la nostra capacità e il nostro talento creando una proposta coerente e versatile articolata in diverse linee atte a soddisfare ogni esigenza ma con un unico, identitario trait d’union, il nostro stile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
silvio calvigioni tombolini





Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.