A- A+
Milano
Milano, demolito il campo nomadi di via Bonfadini. FOTO
Demolizione del campo nomadi di via Bonfadini a Milano

Milano, demolito il campo nomadi di via Bonfadini

Da oggi il campo nomadi di via Bonfadini-Zama a Milano è sotto sequestro ed è iniziata la demolizione dei manufatti abusivi presenti. Lo ha reso noto attraverso i propri canali social il sindaco Giuseppe Sala. Queste le sue parole: "Quest'area era la base di un ingente e pericoloso traffico illecito di rifiuti. A scoprirlo è stato il Nucleo Problemi del Territorio della Polizia locale che, a giugno 2020, ha avviato una scrupolosa indagine. Il monitoraggio del degrado e del pericolo ambientale registrati attorno al campo ha permesso agli agenti di ricostruire il percorso illegale dei rifiuti. Sono certo che i provvedimenti cautelari eseguiti questa mattina contribuiranno a riportare serenità e legalità tra gli abitanti del quartiere, da tempo vessati e stanchi di questa situazione. Ringrazio la Polizia Locale, la Direzione Distrettuale Antimafia e la Polizia di Stato per l'indagine, il coordinamento e il supporto fornito in questa delicata operazione a tutela dell'ambiente e della salute dei nostri concittadini".

Sardone (Lega): "Da secoli denunciavamo il problema"

Prima dell'intervento di oggi, si era espressa polemicamente il consigliere leghista Silvia Sardone: "Sono secoli che diciamo che i due campi rom di via Bonfadini vanno chiusi perché covi di delinquenti, criminali e a questo punto persino mafiosi secondo quanto emerso dall'ultima inchiesta, eppure il Comune di Milano ha sempre continuato a tollerarli. In via Bonfadini, così come in ogni altro campo rom della città, le leggi dello Stato italiano non sono mai esistite quindi diventa anche difficile stupirsi di quanto accade sistematicamente in questi covi di illegalità, ma resta il fatto che una sola cosa si può fare: sgomberarli e chiuderli, non è difficile. Il fatto che sia stata coinvolta anche l'anti-mafia dimostra la pericolosità di questi soggetti: il Comune a guida Pd pensa ancora all'integrazione? Sala negli anni ha parlato di superamento dei campi rom, compresi i regolari, ma le sue promesse, così come l’ossessione per le periferie, sono rimaste appunto solo promesse. Finalmente sembrerebbe che le baracche abusive verranno abbattute, meglio tardi che mai ci sentiamo di dire. Ora, però, ci auguriamo che anche le ville del campo autorizzato vengano sgomberate e che si pensi a qualcosa di utile al quartiere in quegli spazi, altro che insediamento nomadi, auto carbonizzate, roghi tossici e degrado... Stop alla delinquenza nelle periferie”.

Commenti
    Tags:
    milanocampo nomadivia bonfadini







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.