A- A+
Milano
Milano, fuga dalla città oppure nuova moda per influencer? Commento
Selvaggia Lucarelli e Milano

Milano, fuga dalla città oppure nuova moda per influencer? Commento

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), ALLE 19,15 E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6,45

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

Oggi tutti a parlare di Milano quanto è brutta. Mode. Ieri tutti a parlare di Milano e a dire quanto era bella, città inclusiva, vera capitale morale dove tutti sono ricchi, affascinanti e soprattutto con un grande senso etico e sociale. Venerabile maestra di stile amministrativo che da qualche mese è stata retrocessa a solita stronza, per dirla con Arbasino. Nel 2021 ho pubblicato un libro dal titolo eloquente: "Fuga dalla città". Era dedicato a Milano del post-covid, con i tanti problemi irrisolti che, lo ripeto due anni dopo, non sono solo quelli immobiliari. Ma ce ne sono molti altri. Dal gigantismo culturale che vede drenare risorse da parte di due istituzioni come Scala e Piccolo a danno  dei tanti centri culturali e orchestre assai meno celebri e più deboli. Anche nella cultura ci sono i ricchi e i poveri.

Oppure, ancora una volta, la progettazione della città a partire da San Siro, questione intricata su cui bisognava e bisogna prendere una decisione che scontenterà o gli uni o gli altri ma che va presa se si vuole che Milano rimanga un modello di operatività. Ci sono poi i rider e i loro diritti negati, le aziende che fingono di essere etiche e invece sfruttano e schiavizzano, le società benefit che di benefit hanno solo il nome. Insomma, Milano città dell'ipocrisia. Selvaggia Lucarelli si inserisce in un filone ma ne prende solo il lato immobiliare. Perché non parlare della città sociale che ha tanti problemi, legati ai centri di accoglienza e a come vengono o non vengono sgomberate le case popolari? Più complesso, più difficile, più annoso.

Milano smetta di specchiarsi e torni a investire sulle idee

La verità è che i commentatori ora sparano su Milano con la stessa foga con cui l'incensavano. Ma la verità sta in mezzo. La metropoli ha un tessuto sociale e una ricchezza profonda che è incredibile. E' ancora anni luce avanti rispetto a tutte le altre realtà italiane, ma c'è un trend, una parabola, che non è iniziato oggi, ma che risale a prima del Covid. Oggi quel trend è visibile perché la crisi dell'energia che ha portato all'aggravarsi dei conti pubblici cittadini ha tirato giù il velo. Mentre la narrazione vendeva la luna, il dito indicava i problemi concreti. Hanno tutti comprato la luna, purtroppo. Dopo due anni, la penso ancora alla stessa maniera. Si può fuggire da Milano, e pure disamorarsi come la Lucarelli. Ma si può tornare solo a Milano, purché questa cambi percorso, smetta di specchiarsi nella pozzanghera, come Narciso, e torni a investire sulle idee.

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
affittocasecostoimmobililucarellimilano







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.